"VALLE UMBRA": DELINEATE LE STRATEGIE PER VALORIZZARE LE ECCELLENZE UMBRE - Tuttoggi.info

“VALLE UMBRA”: DELINEATE LE STRATEGIE PER VALORIZZARE LE ECCELLENZE UMBRE

Redazione

“VALLE UMBRA”: DELINEATE LE STRATEGIE PER VALORIZZARE LE ECCELLENZE UMBRE

Gio, 14/01/2010 - 20:45

Condividi su:


150mila euro per il primo anno di attività; questa la somma stanziata dalla Cassa di Risparmio di Foligno a Valle Umbra terra di emozioni, l’associazione nata per sostenere l’economia locale, che nel 2010 si prepara ad entrare in un mercato giovane e in forte crescita come quello russo, ponendo nel contempo le basi per l’imminente ingresso nel Regno Unito.

Sono semplici e tuttavia affatto scontate le strategie delineate mercoledì 13 gennaio, durante il seminario dedicato alla promozione delle eccellenze umbre, promosso da Intesa Sanpaolo Formazione e Cassa di Risparmio di Foligno, cui hanno partecipato le 24 aziende aderenti in questa prima fase, i Comuni, le associazioni e gli enti presenti nel territorio.Interventi mirati più facili a dirsi che a farsi, salvo che non ci sia una regia degli attori che metta in rete. Il territorio della Valle Umbra è caratterizzato da tante eccellenze produttive e da tante piccole e medie imprese che devono mettersi in sinergia per vincere la sfida sul mercato globale, valorizzando le eccellenze del territorio.

L’Umbria, come ha ricordato Fabio Renzi, segretario generale della Fondazione Symbola, è infatti “condannata” a produrre eccellenze e, quindi, piccole quantità, che non sono in grado di aggredire con immediatezza nessun mercato; occorre dunque cercare soluzioni strategiche per trovare la rimuneratività e per ritagliarsi delle nicchie di mercato. Insomma, la qualità da sola non basta, è solo un punto di partenza. Le azioni principali a favore dell’imprenditoria sono l’accesso al credito e un sostegno concreto, un vero e proprio coordinamento di forme di promozione strategica, mirate a far conoscere la rete delle risorse di eccellenza del territorio chiamando nel territorio stesso operatori economici, buyer, stampa specializzata. Già si pensa ai primi due educational tour a giugno e a settembre, nei periodi della Quintana di Foligno e dell’Enologica di Montefalco.

“L’Associazione – ha precisato Denio D’Ingecco, presidente della Carifol e dell’Associazione Valle Umbra – non vuole né sovrapporsi né affiancarsi ad altri enti presenti ed operativi sul territorio; lo scopo non è quello di appesantire la macchina, ma di offrire sostegno, coordinamento e stimoli per lo sviluppo del comparto vitivinicolo e oleivicolo, unitamente al turismo. D’altronde – ha proseguito D’Ingecco – non si tratta di errori fatti in passato: la qualità c’è e le iniziative ci sono state, ma sono state legate al singolo prodotto. Il territorio, invece, è in unicum che esige la messa in fase di turismo, eventi e manifestazioni, accoglienza e ricettività, ristorazione e produzioni…”. Il sindaco di Foligno Nando Mismetti ha a sua volta evidenziato che “all’interno della filiera agroalimentare le tre sfide della ricerca, innovazione e qualità richiedono sinergie per superare i limiti della prima stagione della globalizzazione e creare un rapporto tra mercato mondiale e unicità del territorio”. A rafforzare i concetti di sinergia e qualità sono tornati anche il segretario generale di Symbola Fabio Renzi e Silvio Barbero, segretario nazionale Slow Food Italia. Entrambi hanno evidenziato come per una regione piccola come la nostra, per entrare con credibilità nei grandi mercati, è necessario mettere insieme le varie realtà territoriali creando un’immagine unica dell’Umbria.

“Solo in questi termini si può parlare seriamente di turismo. – ha dichiarato la presidente della Regione Umbria Maria Rita Lorenzetti – L’investimento privato, l’accompagnamento pubblico di fondi e il credito con questi tre fattori insieme si può far tirare fuori il massimo possibile della ricchezza e della qualità nel territorio. Il concetto importante riguarda la diffusione della cultura della qualità e questa iniziativa è un esempio per tutti di come fare un investimento serio a sistema. Una promozione dell’Umbria e dei suoi prodotti non calata dall’alto, ma tutti insieme con i protagonisti del territorio: è questa la nostra sfida per fare il salto di qualità. In tale prospettiva, da parte nostra, è necessario far capire come le imprese del turismo, dell’agroalimentare e dei prodotti d’eccellenza possano fare questo salto di qualità e diventare più competitivi e attrattivi sul mercato”.

Durante la giornata in riferimento alle produzioni d’eccellenza della Valle Umbra – la sezione della mattina moderata da Antonio Boco, giornalista enogastronomico – sono intervenuti: Ernesta Maria Ranieri, direttore regionale dell’area operativa agricoltura e foreste, aree protette, valorizzazione dei sistemi naturalistici e paesaggistici, beni e attività culturali, sport e spettacolo; Fabio Renzi, segretario generale della Fondazione Symbola; Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia; Silvio Barbero, segretario nazionale Slow Food – Italia, Carlo Liviantoni, assessore all’Agricoltura e vicepresidente della Regione Umbria. Nel pomeriggio si è passati al tema della valorizzazione del prodotto Umbria sul quale, sotto la conduzione di Marco Tesorini, coordinatore del Sistema Turistico Locale Valli e Monti dell’Umbria Antica, sono intervenuti: Domenico Zimbalatti, presidente del centro italiano di studi superiori sul turismo e sulla promozione turistica; Ciro Becchetti, direttore regionale dell’area operativa sviluppo economico e attività produttive, istruzione, formazione e lavoro; Stefano Cimicchi, amministratore unico dell’APT dell’Umbria; Roberto Lovato, dirigente dell’area agroalimentare dell’ICE. La chiusura è stata affidata alla presidente della Regione Umbria Maria Rita Lorenzetti.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!