Unioni civili, Serena e Antonella prime spose in Umbria - Tuttoggi

Unioni civili, Serena e Antonella prime spose in Umbria

Luca Biribanti

Unioni civili, Serena e Antonella prime spose in Umbria

Rito civile celebrato dal vicesindaco di Terni Francesca Malafoglia nella sala consiliare di Palazzo Spada
Sab, 20/08/2016 - 18:43

Condividi su:


Ore 18.04 del 20 Agosto 2016, una data storica per l’Umbria; nella sala consiliare di Palazzo Spada il vicesindaco di Terni, Francesca Malafoglia, ha celebrato le prime nozze tra due donne nel territorio regionale.

Serena Cuccu e Antonella D’Annibale hanno detto “sì” davanti a una folla di parenti e amici commossa dalle parole d’amore che le due donne si sono scambiate prima del rito civile.

GUARDA IL VIDEO

“Siamo state 7 anni insieme; alcuni momenti sono stati difficili, altri bellissimi. Ora abbiamo scelto di vivere insieme per tutta la vita e spero che tu sia felice come una bambina”. Queste le parole di Antonella che hanno provocato grande emozione nella compagna Serena: “Grazie per tutto quello che sei e per essere come sei”.

Francesca Malafoglia ha introdotto il matrimonio parlando di “Giornata storica. Non sarebbe stato possibile celebrare il rito in modo migliore in questa giornata così importante per voi. Voglio esprimervi la mia gratitudine per aver condiviso la vostra felicità con la città e tutta la comunità. Ci sono alcune leggi che garantiscono i diritti fondamentali della nostra vita civile”.

Poi la lettura della legge 20, in particolare gli articoli 11 e 12: “11. Con la costituzione dell’unione civile tra persone dello stesso sesso le parti acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri; dall’unione civile deriva l’obbligo reciproco all’assistenza morale e materiale e alla coabitazione. Entrambe le parti sono tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacita’ di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni.  12. Le parti concordano tra loro l’indirizzo della vita familia e fissano la residenza comune; a ciascuna delle parti spetta il potere di attuare l’indirizzo concordato”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!