Un archivio dedicato per ricordare a Orvieto la figura di Piergiorgio Maoloni - Tuttoggi

Un archivio dedicato per ricordare a Orvieto la figura di Piergiorgio Maoloni

Redazione

Un archivio dedicato per ricordare a Orvieto la figura di Piergiorgio Maoloni

In città la presentazione del progetto, con l'Arch. Paolo Portoghesi, dedicato al celebre designer di giornali, padre della moderna grafica italiana
Gio, 20/12/2018 - 17:32

Condividi su:


Un archivio dedicato per ricordare a Orvieto la figura di Piergiorgio Maoloni

Orvieto rende omaggio a PIERGIORGIO MAOLONI (1938-2005), il più celebre designer di giornali, uno dei padri della moderna grafica editoriale italiana, con una serata speciale che sarà anche occasione per presentare al pubblico il progetto Archivio Maoloni e lo spazio ad esso riservato in Palazzo dei Sette, oggi cantiere aperto e in lavorazione.

“Orvieto, la Città Narrante – spiega l’Assessore alla Cultura, Alessandra Cannistrà – ha finalmente ritrovato consapevolezza dello straordinario lascito culturale rappresentato dall’archivio professionale di Piergiorgio Maoloni depositato dopo la sua scomparsa presso il Comune. La sua opera vive tuttora e i suoi progetti per la città si mantengono attuali ed efficacemente comunicativi. L’impegno è adesso quello di rendere fruibile il fondo documentario del suo archivio professionale e su di esso costruire un progetto culturale che aiuti la comunità a capire, sapere, ideare e partecipare. E sia aperto al mondo di studenti, professionisti e appassionati.

Per questo e per ricordare Piergiorgio Maoloni a ottant’anni dalla sua nascita, grazie alla disponibilità dei figli Giulia, Isabella e Luca, e di Pasquale Gioffrè, si è pensato di dedicargli un momento speciale riunendo gli amici orvietani e quanti sappiano e vogliano parlare di lui e del suo lavoro.”

Interverranno all’incontro: Chiara Athor Brolli graphic designer, Giorgio Casadio giornalista di Repubblica e Angelo Rinaldi art director dello stesso quotidiano, Roberta Massino specialista in conservazione che ha curato l’inventario del fondo, e Mario Squadroni già soprintendente archivistico e bibliografico dell’Umbria e delle Marche.

Per il Comune di Orvieto, inoltre, un grande onore che il Professor Paolo Portoghesi abbia aderito con entusiasmo al programma e deciso di intervenire insieme alla moglie Giovanna.

Guido Barlozzetti, che coordinerà la serata, scrive per l’occasione: “Doveroso. Lo hanno chiamato ‘l’architetto delle pagine’, come a dire di una vocazione a disegnare l’ordine, la misura e la creatività dell’intelligenza nello spazio delle parole. Piergiorgio Maoloni ci ha lasciato quattordici anni fa e sono ottanta da quando un caso lo ha fatto nascere a Viterbo, vicina alla radice della sua città, Orvieto. Il tempo, a differenza di quanto lui ha cercato di fare, non ha una misura, scorre, passa, diviene e, allora, è forse arrivato il momento di fermarne per un momento il flusso e ritornare indietro e non per un risarcimento memoriale, che sarebbe comunque doveroso (come diceva lui a chi lo ringraziava per la sua generosità), quanto per ritrovare il senso dimenticato di un’esperienza orientata sempre e comunque al progetto”.

“L’appuntamento – prosegue l’Assessore Cannistrà – è per Sabato 22 dicembre alle ore 17.30 presso la Sala del Governatore in Palazzo dei Sette. Un sentito ringraziamento al Consorzio Vini Orvieto e al Bar Montanucci per il brindisi augurale che concluderà la serata”.

Dopo che nel marzo scorso il materiale è stato collocato al secondo piano di Palazzo dei Sette come progetto da sviluppare in tale sede in via definitiva, è stato completato il lavoro di inventariazione del fondo, curato da Roberta Massino in collaborazione con gli eredi e con Mario Squadroni, docente di Archivistica generale presso l’Università degli Studi di Perugia, già Soprintendente archivistico e bibliografico dell’Umbria e delle Marche, e il rimontaggio del mobilio curato da Sandro Salucci.

Si tratta di un ricco patrimonio archivistico-bibliografico, visto che Piergiorgio Maoloni aveva firmato la grafica di prestigiose testate italiane: da “La Stampa” a “Il Manifesto”, “Famiglia Cristiana”, “Il Sabato”, “Avvenimenti”, “Il Tempo”, “Mondo Economico”, solo per citarne alcune. Di grande interesse e fascino è il complesso di arredi per l’affinità stilistica con i progetti postmoderni di Paolo Portoghesi.

L’obiettivo dell’Amministrazione è ora rendere accessibile e valorizzare l’archivio professionale di Piergiorgio Maoloni concretizzando la collaborazione di importanti partners come l’ISIA / Istituto Superiore per le Industrie Artistiche, l’Associazione Italiana Grafici e Pubblicitari e la Fondazione Studi Città di Orvieto, e progettare forme nuove di restituzione, comunicazione e divulgazione dell’importante eredità culturale di Piergiorgio Maoloni a cui è legata tanta storia dell’editoria quotidiana, settimanale e televisiva italiana e straniera.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!