Umbria Jazz 13, tra i big si aggiungono Sonny Rollins e John Legend - Tuttoggi

Umbria Jazz 13, tra i big si aggiungono Sonny Rollins e John Legend

Redazione

Umbria Jazz 13, tra i big si aggiungono Sonny Rollins e John Legend

Mar, 05/02/2013 - 14:58

Condividi su:


Un primo week end da non perdere nell 40° della manifestazione jazzistica umbra: dopo le date già annunciate di Diana Krall e Keith Jarrett del 5 e 7 luglio, già in prevendita, saranno sul palco dell'Arena Santa Giuliana Sonny Rollins, sabato 6 luglio, e John Legend, lunedì 8 luglio. I biglietti per i concerti di Sonny Rollins e John Legend disponibili da domani 6 febbraio Rollins torna in esclusiva per UJ13 ma con special guest Enrico Rava & Paolo Fresu.

Sonny Rollins, classe 1930, newyorkese, e’ il piu’ grande musicista jazz vivente: con oltre sessant’anni di attività alle spalle, che lo ha portato ad incrociare in pratica tutte le figure leggendarie del jazz a partire dall’era del be-bop, Thelonious Monk, Charlie Parker, Miles Davis, Bud Powell, Dizzy Gillespie, rimane con il suo sax tenore unico e inimitabile.

Rollins è assolutamente il tenore per eccellenza, circondato dal rispetto e dall’ammirazione di milioni di fans e da schiere d’imitatori. Sul palco è un artista generoso e appassionante. Colui che non a caso e’ stato definito il saxophone colossus, dal titolo di un suo album epocale, ha funzionato da modello per generazioni di sassofonisti e oggi più che mai rappresenta il jazz, da protagonista assoluto.

E' invece al suo esordio ad Umbria Jazz, uno dei nomi più acclamati del soul statunitense: John Legend.

Bambino prodigio, nato nel 1978 a Springfield nell'Ohio, nipote di un pastore protestante, John Stephens, in arte John Legend, è uno dei più talentuosi e innovativi cantautori black apparsi sulla scena negli ultimi anni. Scrittore, grande musicista, ottimo arrangiatore, il suo stile elegante e old fashion è molto apprezzato sia dal pubblico che dalla critica, perché è uno dei pochi in grado di fondere il sentimento della vecchia scuola del soul con il sapore tagliente dei ritmi hip hop e del moderno r&b. Il soprannome Legend è un'invenzione di un amico di Chicago, che ritiene che le melodie del giovane John assomiglino molto a quelle degli artisti vecchio stile. Un nickname un po' pretenzioso e che attira l'attenzione – proprio quello che John desidera – e che finisce col diventare il suo nome da palcoscenico.

Il suo ultimo singolo di successo è il brano “Who Did That to You”, scritto in collaborazione con Paul Epworth, compositore di “Rolling in the Deep”’, inserito come lead single nella colonna sonora del film di Quentin Tarantino “Django Unchained”, in questi giorni nelle sale italiane con grande successo di pubblico e critica.
Per la primavera 2013 è atteso il suo nuovo album 'Love in the Future', che porrà fine ad una pausa che si prolunga dal 2010 quando uscì con il suo quarto album 'Wake Up!'.

Lo stesso Legend ha recentemente postato una lettera ai suoi fan tramite il suo sito ufficiale, in cui ha spiegato che il risultato sarà “il miglior album della sua carriera”. Al lavoro con l’interprete ci sono anche Kanye West e Dave Tozer in veste di executive producer.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!