Umbria 10 e Lode affronta il tema dell’Umanesimo della fragilità con Emanuela Antonelli e Stefano Andreini - Tuttoggi

Umbria 10 e Lode affronta il tema dell’Umanesimo della fragilità con Emanuela Antonelli e Stefano Andreini

Chiara Magna

Umbria 10 e Lode affronta il tema dell’Umanesimo della fragilità con Emanuela Antonelli e Stefano Andreini

Ven, 18/03/2022 - 12:50

Condividi su:


L’intento di Amen è quello di impegnarsi a spendere energie per promuovere la vita

Continuano gli incontri con l’agenzia funebre Amen che tra i suoi tanti progetti parla anche dell’Umanesimo della fragilità e lo fa raccontando la figura dello psichiatra Vittorino Andreoli che descrive l’uomo come una storia, ossia una relazione tra uomini, e dell’importanza del concetto della fragilità come caposaldo dell’essere umano.

“Quando Vittorino Andreoli parla di Umanesimo della fragilità – spiega Emanuela Antonelli – descrive la morte come l’esempio massimo del limite dell’uomo. Ma invece di negarla lui dice che l’uomo deve proprio partire da quella fragilità.” 

La fragilità è una caratteristica dell’uomo dunque e per nulla ha a che fare con la debolezza bensì con il senso del limite.

“Nel tempo, facendo questo mestiere, – racconta Stefano Andreini – mi sono accorto che chi si rivolge a noi vive un momento di fragilità profonda e disorientamento e ho potuto osservare quanto questi sentimenti rendano le persone uguali, bisognose di parlare, di condividere, di abbracciare e di essere abbracciate. Mi sono reso conto che il nostro è una sorta di osservatorio privilegiato riguardo l’umanità. Ed è proprio da noi che ci occupiamo di morte che deve partire un processo di rinnovamento culturale e spirituale intorno al tema della morte e della vita.”

L’intento di Amen, e dello staff che lo compone, è sicuramente quello di far bene il proprio lavoro ma, sotto la guida di Stefano ed Emanuela, l’agenzia vuole anche impegnarsi a spendere energie per promuovere la vita. 

“Abbiamo tanti progetti in mente – spiega Emanuela – piccoli e grandi, alcuni già realizzati.  Abbiamo adottato la parte di Via Marconi, antistante la sede spoletina dell’Agenzia, e la puliamo regolarmente,  abbiamo messo un cesto per i rifiuti che gestiamo noi e con questo gesto quotidiano vogliamo testimoniare la necessità di uscire dal pensiero che è nostro solamente quello che ci appartiene bensì tutto il mondo.”

Anche questo è un modo per avvicinarsi al nuovo umanesimo professato da Vittorino Andreoli così come molti altri progetti in cantiere per l’agenzia Amen: la casa funeraria, l’introduzione della figura del cerimoniere per riportare l’attenzione sul momento del cordoglio e della memoria, il progetto dei boschi vivi e infine la Fondazione Amen, una Onlus che diventerà contenitore e strumento attraverso il quale dare forma a tutta questa progettualità. Non ultima la pagina Facebook di Amen per diffondere questi e molti altri pensieri sulla vita e sulla morte. 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!