Umbertide, "Luca torna presto" | Appello della moglie del ragazzo scomparso - Tuttoggi

Umbertide, “Luca torna presto” | Appello della moglie del ragazzo scomparso

Mirco Diarena

Umbertide, “Luca torna presto” | Appello della moglie del ragazzo scomparso

Continuano senza sosta le ricerche | La famiglia aspetta un segnale
Dom, 11/10/2015 - 14:01

Condividi su:


“Luca torna presto”. È  l’appello lanciato dalla moglie del ragazzo scomparso giovedì pomeriggio a Umbertide. A tre giorni di distanza dalla scomparsa del 34enne umbertidese proseguono senza soste le ricerche. I familiari e le forze dell’ordine sono convinte che Luca non si sia allontanato troppo da Umbertide.

Luca De Rosa ha fatto perdere le sue tracce giovedì sera dopo essere uscito dal lavoro alle ore 21. Il ragazzo si è  incamminato verso casa percorrendo via Morandi. Durante il tragitto è stato visto in più punti ma non ha mai fatto ritorno dalla sua famiglia in via XX Settembre.

“Luca – racconta la moglie – diceva di volere una svolta perché la vita gli aveva girato le spalle. Lunedì sarebbe voluto partire per Lourdes, ma non può aver intrapreso questo lungo viaggio senza documenti e vestito solo con una maglietta. Quando l’ho accompagnato al lavoro alle 16.00 era tranquillo. Deve essere qui vicino ”. La famiglia invita tutti coloro che potrebbero aver visto il ragazzo a contattare le forze dell’ordine e soprattutto invita Luca a dare un segnale. “Basta un messaggio a qualcuno – continua la giovane moglie -, una telefonata qualcosa che ci faccia sapere che sta bene. Noi rispettiamo tutte le sue scelte ma abbiamo bisogno di sapere che non gli è successo niente”.

Luca De Rosa è padre di due bambini di 11 e 7 anni. Entrambi sono ragazzi modello, bravi a scuola e nello sport il più piccolo è un promettente judoka mentre il più grande gioca a calcio proprio come il suo papà.

Il ragazzo scomparso è molto conosciuto in città proprio per questa sua passione che lo ha portato a vestire le maglie del Resina, del Monteacuto e della Tiberis.

Gli amici, la famiglia e i semplici conoscenti, tutti sperano che Luca dia un segnale per far sapere che sta bene. Luca deve stare bene. Luca deve tornare a casa perché deve ancora insegnare ai suoi bambini come si calcia la palla in rete con tutta la forza.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!