Truffati dalle banche, tutti i nodi - Tuttoggi

Truffati dalle banche, tutti i nodi

Redazione

Truffati dalle banche, tutti i nodi

Petruzzi (Federconsumatori): i nodi da sciogliere dopo il decreto attuativo
Mar, 14/05/2019 - 09:17

Condividi su:


Ancora tante incognite per i risparmiatori “truffati” dalle banche, secondo il responsabile di Federconsumatori Perugia, Alessandro Petruzzi, dopo la firma al ministero dell’Economia del decreto attuativo del Fir relativo alle banche venete liquidate e alle 4 risolte. “Dopo tanta attesa – afferma Petruzzi – sembra essersi aperto uno spiraglio per i risparmiatori, che ora devono solo attendere la definizione delle modalità di presentazione delle istanze. Modalità che saranno espresse da una commissione tecnica di nove membri, nominata nei prossimi giorni dal Mef. Ci auguriamo – aggiunge il responsabile di Federconsumatori – che questo non causi nuovi ritardi, ma soprattutto auspichiamo che i pagamenti siano celeri: i risparmiatori hanno atteso già troppo“.

Appare però evidente che l’iter previsto per i rimborsi presenti già alcuni scogli. In tal senso, per Petruzzi sarebbe opportuno che il Governo chiarisse alcuni aspetti delle dichiarazioni del sottosegretario Villarosa subito dopo il Consiglio dei ministri di venerdì. In particolare su tre punti.

Anzitutto perché si ponga la responsabilità della decisione sulla compatibilità dell’innalzamento del tetto patrimoniale a 200.000 euro sulle spalle dell’Europa, quando la Commissione si è già espressa chiaramente sulla necessità unicamente di un filtro alle domande e non ha in alcun modo fatto riferimento allo stato patrimoniale dei richiedenti.

Inoltre, Petruzzi chiede come possa Consap implementare la piattaforma online con le modalità di presentazione delle domande, quando sempre il sottosegretario Villarosa ha dichiarato ad alcune testate venete, che il modello di presentazione delle domande verrà individuato dalla Commissione che al momento non è operativa.

Il responsabile di Federconsumatori chiede poi come possa il sottosegretario dichiarare che già a novembre potranno esserci i primi risarcimenti quando, ad oggi, non è stato ancora emanato il decreto attuativo relativo alla Commissione che le domande dovrà valutare e che come detto dovrà anche individuare le formalità di presentazione delle domande.

Ma soprattutto, Petruzzi chiede perché si continui a parlare di automatismi nei ristori quando in tutti i provvedimenti legislativi a far data dal Decreto Milleproroghe del settembre 2018 ad oggi, compreso l’art. 36 del Decreto -Crescita, viene fatto riferimento alla necessità di provare il nesso causale fra condotte e danno subito dal singolo risparmiatore che è logicamente incongruente con eventuali automatismi.

A ciò si aggiunge un interrogativo relativo alla curiosa procedura adottata. “La scelta di emanare il Decreto attuativo prima della conversione del Decreto Legge per la crescita del 23 aprile – spiega Petruzzi – configura un possibile escamotage burocratico: così facendo infatti l’art. 36 del Decreto Crescita non potrà essere modificato senza vanificare il Decreto Ministeriale. Inoltre, in caso di mancata inclusione dell’art. 36 nella legge di conversione si assisterebbe ad un nuovo stop ai ristori“.

E conclude: “Queste domande devono trovare immediata risposta: non vorremmo, infatti, che l’emanazione del solo primo decreto attuativo, per di più con queste modalità, rischi di essere un mero provvedimento di propaganda politica, privo di reale impatto per le aspettative dei risparmiatori“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!