Trasimeno Blues, emozioni sul lago per Finardi. Stasera riflettori su Magione per il chicago blues di Lurrie Bell - Tuttoggi

Trasimeno Blues, emozioni sul lago per Finardi. Stasera riflettori su Magione per il chicago blues di Lurrie Bell

Redazione

Trasimeno Blues, emozioni sul lago per Finardi. Stasera riflettori su Magione per il chicago blues di Lurrie Bell

Lun, 25/07/2011 - 11:07

Condividi su:


Sabato sera un incursione nel Rock per la tappa castiglionese del festival che ha ospitato un grande evento musicale all'insegna della migliore musica italiana: il concerto di un indiscusso rappresentante del Rock d'autore italiano Eugenio Finardi che celebra con questo tour 40 anni di carriera e di successi. Un concerto intenso che ha visto Finardi suonare per oltre due ore, affascinato dalla cornice suggestiva della Rocca Medievale di Castiglione del Lago e realmente emozionato dal caloroso pubblico di fan giovani e meno giovani accorsi ad ascoltare la raffinata ed energica rivisitazione dei classici del cantautore milanese. In grandissima forma e supportato da una band eccezionale, Eugenio Finardi ha fatto risplendere sotto una nuova luce canzoni simbolo come Extraterreste, Musica Ribelle, La Radio, Dolce Italia, coinvolgendo una platea folta ed intergenerazionale, unita dalla passione per la musica Rock nella più piena tradizione del cantautorato italiano, dove impegno sociale e politico si alterna a ballate d'amore e di libertà. Un gran bel concerto che ha fatto conoscere ed apprezzare il nostro Finardi anche ai numerosi turisti stranieri che seguono l'intero festival.

STASERA CHICAGO BLUES Stasera il festival blues approda a Magione a partire dalle 21 in piazza Pian di Carpine. Grande protagonista della serata sarà il bluesman di Chicago Lurrie Bell. Figlio del leggendario armonicista di Chicago Carey Bell, Lurrie Bell (1958) è cresciuto in un ambiente dove il blues era letteralmente di casa. Inizia a suonare la chitarra all'età di sei anni e sviluppa le sue capacità suonando con le leggende della scena blues di Chicago come Eddy Taylor, Eddie C. Campbell, Jimmy Dawkins, Eddie Clearwater, Big Walter Horton, Sunnyland Slim, Lovie Lee. All'età di sedici anni la sua prima performance pubblica con la band di Willie Dixon. Subito viene accolto come una stella nascente del blues internazionale e viene notato per il suo stile maturo e pieno di soul, cosa insolita per la sua giovane età. A metà degli anni '70 Koko Taylor lo chiama a far parte della sua band Blues Machine con cui va in tourneè per quattro anni. Nel 1977, contribuisce alla nascita dei Sons of Blues con l'armonicista Billy Branch. La sua carriera è costellata però da alti e bassi a causa di una malattia mentale con cui Lurrie ha dovuto combattere per tanti anni: battaglia che è riuscito a vincere proprio grazie al Blues, l'unica sua strada per la salvezza. Nonostante i suoi problemi infatti lo continuano a chiamare a suonare ogni volta che lui è in grado di farlo, sia dal vivo che registrando in studio. La sua discografia, sia come leader che come sideman, è composta da più di 70 registrazioni. Il suo primo album “Everybody Wants To Win”, lo registra con la JSP Records nel 1989. La sua carriera riprende a pieno ritmo dal 1995 con l'album “Mercurial Son”, il primo di tanti pubblicati con la Delmark, che ha ricevuto elogi dalla critica e dal pubblico. Attualmente Lurrie Bell è uno dei musicisti di Chicago di cui ultimamente si è parlato di più in Europa. Insieme al padre Carey Bell e ai fratelli Cary jr. e Steve costituisce parte del patrimonio musicale e della storia del Blues urbano di Chicago. Questa realtà è affermata dalla considerazione tributatagli a livello di festival, di locali live e dai discografici. Lurrie Bell si pone oggi come simbolo ed esempio di spontaneità e di genuinità che sfugge alle regole del business musicale e si alimenta della propria energia. Lo spettacolo offerto da Lurrie Bell e la sua band è definito come uno dei più coinvolgenti e autentici concerti di Blues a cui si possa assistere. Di notevole impatto è lo stile chitarristico, fresco e vitale, che unitamente alle doti vocali di Lurrie rende veramente unica ogni sua performance.

Il concerto sarà aperto da “One man 100% bluez”, alias Davive Lipari, giovane cantante, chitarrista, armonicista e compositore romano.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!