Tòrte, attorte e rocciate, a Meggiano la gara per la più buona - Tuttoggi

Tòrte, attorte e rocciate, a Meggiano la gara per la più buona

Redazione

Tòrte, attorte e rocciate, a Meggiano la gara per la più buona

Ben 24 dolci di Natale in gara per il dolce concorso promosso durante "Il Trionfo del bosco" | Le foto
Mar, 05/12/2017 - 11:05

Condividi su:


I tre giurati della Commissione, Rita Boini giornalista ed esperta di gastronomia, Marco Servili, sommelier, e Roberto Crisogianni, nipote di ristoratore gallipolino, hanno avuto filo da torcere di fronte alle belle tòrte, attorte e rocciate presentate alla gara per il miglior dolce tradizionale di Natale, che si è tenuta a Meggiano di Vallo di Nera durante la manifestazione “Il trionfo del bosco”.  Decretare le migliori è stato molto difficile per le variegate e squisite sfumature di gusto e qualità.

Il classico serpente di pasta farcita con mele, frutta secca, zucchero, cioccolato e spezie, bagnato di alchermes e tipico del Natale umbro, ha diversi nomi a seconda dell’area dove viene preparato. Nella Valle Umbra è chiamato rocciata o ‘ntorta, a Spoleto attòrta, in Valnerina tòrta. Ogni famiglia ha una ricetta, come accade per i piatti popolari, che custodisce gelosamente pur trattandosi dello stesso dolce. Il segreto è nella pasta sottile e croccante tirata a mano abilmente, nella farcitura ben equilibrata, nella giusta cottura in forno, nella scelta di ingredienti di pregio.

L’origine della torta sembra risalire all’antico popolo degli umbri o all’alto Medioevo e alla presenza dei Longobardi in Umbria, che ebbero in Spoleto la sede di un importante Ducato.


Pane di ghiande, come si prepara VIDEO | ‘Il Trionfo del Bosco’, un esempio di comunità


A Meggiano di Vallo di Nera sul tavolo della gara sono comparse ben ventiquattro tòrte, tutte diverse tra loro. Tutte squisite, tanto che il primo posto è stato assegnato con un ex aequo a Patrizia Pettinari e Gabriela Rancani. Dietro di loro hanno ottenuto il miglior punteggio Maria Graziella Federici e Maria Morganti. In gara anche i dolci dei sindaci di Sant’Anatolia di Narco, di Scheggino, di Vallo di Nera e di Trevi, di Clelia, Sesta, Teresa, Michela, Lella, Velia, Tommasina, Teresina, Cinzia, Rebecca, Carlotta, Stefania, Carmela, Pasqualina e Giuseppina. Ottimi gli ingredienti, quasi tutti di produzione locale: dalle mele alle noci, dall’uva colta nel campo e fatta appassire in cantina, come ha fatto Silvana concorrente di Vallo di Nera, fino all’olio extravergine di oliva dei colli Assisi – Spoleto.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!