'Tiferno Insieme' e 'Castello Cambia' chiedono un sopralluogo alla Splendorini di Calzolaro - Tuttoggi

‘Tiferno Insieme’ e ‘Castello Cambia’ chiedono un sopralluogo alla Splendorini di Calzolaro

Redazione

‘Tiferno Insieme’ e ‘Castello Cambia’ chiedono un sopralluogo alla Splendorini di Calzolaro

La richiesta dei due gruppi consiliari al presidente della Commissione Programmazione Economica "per favorire una riflessione e un ripensamento complessivo del Piano industriale di Sogepu"
Lun, 24/07/2017 - 16:25

Condividi su:


‘Tiferno Insieme’ e ‘Castello Cambia’ chiedono un sopralluogo alla Splendorini di Calzolaro

Un sopralluogo allo stabilimento Splendorini Ecopartners di Calzolaro. E’ questo quello che i gruppi consiliari di ‘Tiferno Insieme’ e ‘Castello Cambia’ richiedono al presidente della Commissione Programmazione Economica Massimo Minciotti, “per favorire un’ulteriore riflessione soprattutto in merito agli ormai noti problemi di emissioni odorigene e dopo la recente approvazione in Consiglio, da parte della maggioranza, del Piano industriale di Sogepu, nel quale si prefigura, appunto, l’acquisto della Splendorini Ecopartners”.

Ai fattori critici già precedentemente evidenziati si sono aggiunte  novità che Consiglio e Giunta tifernate debbono prendere in considerazione e che dovrebbero portare ad un ripensamento complessivo del Piano Industriale di Sogepu che si sta rilevando sempre più inadeguato

Il sopralluogo – dicono i consiglieri Morini e Flamini (TI) con Arcaleni e Bucci (CC) – servirebbe a prendere coscienza della precaria situazione ambientale vissuta dalle frazioni di Calzolaro e quelle limitrofe della zona sud. Un’attività di smaltimento rifiuti inadeguata dal punto di vista urbanistico perché troppo impattante a causa dell’intenso e persistente puzzo e del traffico che produce”.

‘Tiferno Insieme’ e ‘Castello Cambia’ hanno ricordato come anche il rapporto di Arpa Umbria abbia confermato criticità ambientali soprattutto sul fronte dell’inquinamento odorifero di “difficile tollerabilità” e abbia consigliato la “rivisitazione delle autorizzazioni concesse alla ditta Splendorini” sui rifiuti trattati.

È chiaro che con il nuovo Piano industriale Sogepu vuole porre il nostro territorio altotiberino al centro di un sistema di servizio di smaltimento rifiuti che possa servire non solo il nostro ma anche altri territori regionali o extra-regionali – aggiungono i consiglieri di opposizione – Infatti già oggi in virtù dell’accordo di Sogepu con VUS e dei servizi effettuati a favore di altri Comuni, Sogepu smaltisce per conto dei territori tifernate, eugubino, folignate e spoletino la frazione organica umida dei rifiuti nell’impianto Splendorini di Calzolaro”.

Nel Piano Industriale è pure scritto che quando, dal 2018, l’impianto di trattamento dei rifiuti di Belladanza, ora in costruzione, entrerà in funzione e verrà soddisfatto il fabbisogno locale, allora alla Splendorini Ecopartners e nella discarica tifernate continueranno ad essere trattati e smaltiti i rifiuti provenienti da altre realtà a vantaggio delle casse di Sogepu

Urge una riflessione sul tipo di sviluppo territoriale che abbiamo in mente – concludono – visto che tali decisioni potrebbero precludere ampie zone del nostro territorio ad un’economia di tipo turistico e naturalistico alla quale invece appare fortemente vocato”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!