Thyrus d’oro a Renata Ersilia Stefanini Salvati, la “Rivoluzionaria di professione”

Thyrus d’oro a Renata Ersilia Stefanini Salvati, la “Rivoluzionaria di professione”

Il sindaco Latini ha omaggiato la 99enne ex assessore del PCI

share

E’ stato conferito dal sindaco Leonardo Latini,  in forma riservata, il Thyrus d’Oro a Renata Ersilia Stefanini Salvati, prima donna candidata del PCI in Consiglio comunale nel 1952 a Terni e prima donna a ricoprire la carica di Assessore alla Pubblica Istruzione con i sindaci Michiorri, Secci e Ottaviani, caratterizzandosi per un impegno inclusivo e partecipativo che ha permesso la ricostruzione delle scuole di Terni ed ha contribuito a conferire una spinta propulsiva alla costruzione della Terni del Dopoguerra.

Dall’alto dei sui novantanove anni e del suo contributo alla formazione democratica della città di Terni, la “Rivoluzionaria di professione”, ha accolto con grande emozione il Thyrus d’Oro: “Dopo anni di dimenticanza – ha detto – ricevo questo ricordo e sono grata al sindaco perchè poteva benissimo ignorare la deliberazione e con spirito molto democratico ha voluto invece che si realizzasse. E’ un riconoscimento che dà un valore a quanto molti di noi hanno fatto per ridare a Terni la speranza, la pace e la dignità. Mi auguro – ha evidenziato la Stefanini Salvati – che i cittadini ritornino ad amare la loro città e che attorno a questa Amministrazione si crei l’unità di tutta la città di Terni per ritornare a vivere ed a vedere il Palazzo comunale come il palazzo di tutti i cittadini”.

Il sindaco ha ringraziato Renata Stefanini Salvati, che “come donna in politica e come assessore ha contribuito in maniera determinante alla ricostruzione postbellica del sistema scolastico della città. “Una donna di profonda cultura e raffinatezza di pensiero – afferma il sindaco Leonardo Latini la cui passione, energia, lealtà, insieme al suo grande senso civico, sono state e restano di esempio per il riconoscimento dei diritti delle donne, dei lavoratori e per una comunità cittadina più solidale che si ricostruisce attraverso valori condivisi”. Ricordando anche i sindaci con cui la stessa Stefanini Salvati aveva lavorato, Latini ha confermato l’intenzione di operare nel bene della città e nell’ascolto delle istanze cittadine.
Alla cerimonia erano presenti, oltre al sindaco, l’assessore comunale alla scuola Valeria Alessandrini, il consigliere Federico Brizi, i figli e la nipote di Renata Stefanini Salvati.

share

Commenti

Stampa