Terremoto, Roma adotta l’Umbria | Il grazie di Marisa Angelini

Terremoto, Roma adotta l’Umbria | Il grazie di Marisa Angelini

Il sindaco di Monteleone di Spoleto ringrazia per il sostegno di Roma Capitale nel post sisma | Accorato appello alla prosecuzione del progetto

share

Il terremoto  del 24 agosto ha comportato sforzi ingenti per i Comuni umbri più colpiti. Amministratori e dipendenti comunali non si sono risparmiati e si sono sottoposti a giornate di super lavoro per assistere la popolazione e far fronte sia alla fase di emergenza che a quella immediatamente successiva. Per aiutarli, però, sono scesi in campo anche numerosi Comuni italiani, che hanno messo in campo le loro forze ed anche i dipendenti (oltre alle tante iniziative di beneficenza tenutesi in tutta Italia a sostegno delle popolazioni terremotate). Ed è per ringraziare in particolare l’amministrazione comunale di Roma che il sindaco di Monteleone di Spoleto, Marisa Angelini, ha scritto una lettera al Comune capitolino, indirizzata al vice sindaco Daniele Frongia. Dal primo cittadino monteleonese, che può contare soltanto su 6 dipendenti comunali chiamati a gestire tutta questa complessa fase, però, arriva anche l‘appello a proseguire l’esperienza di supporto alla sua amministrazione comunale, considerando che il progetto dovrebbe terminare a fine ottobre. Di seguito la lettera integrale del sindaco Angelini.

“Egregio Vice Sindaco dott.Daniele Frongia

Voglio esprime il mio pensiero di ringraziamento per quanto, lo scorso 16 settembre la Giunta di Roma Capitale, ha approvato la delibera di adesione all’iniziativa dell’ANCI a supporto dei Comuni umbri di Norcia, Preci, Monteleone di Spoleto e Cascia, colpiti dal sisma del 24 agosto.

“Roma adotta l’Umbria” è un progetto di solidarietà straordinario e voglio per questo ringraziare Lei, dott. Frongia, che è venuto tra di noi, ringraziare il coordinamento dell’Ufficio Extradipartimentale Protezione Civile che, in collaborazione con il Dipartimento Organizzazione e Risorse Umane, ha predisposto, programmato e pianificato le attività di reperimento del personale tecnico e amministrativo volontario, interno all’Amministrazione, per fornire supporto a noi Sindaci e alle strutture comunali dell’Umbria, a supporto del regolare svolgimento delle attività lavorative comunali in questa fase di assistenza alla popolazione, ringraziare la Sindaca Raggi.

La partecipazione dei dipendenti capitolini che hanno richiesto di aderire all’iniziativa ci ha commossi, abbiamo avuta la possibilità di incontrare tecnici, amministrativi informatici, veramente preparati, le cui professionalità alte, la loro umanità e generosità, hanno dato una mano concreta alle molte e complesse necessità che i nostri piccoli comuni esprimono, il loro aiuto è stato ed è prezioso poiché al di la dei molti attestati e contributi che giungono ai comuni il più prezioso ed insostituibile è quello delle risorse umane.

Il primo contingente di personale è arrivato nei nostri comuni lo scorso 19 settembre con il coordinamento di unità della Protezione Civile di Roma Capitale che hanno operano anche da raccordo tra il COM- Centro Operativo Misto – di Norcia e noi Sindaci dei Comuni di Monteleone di Spoleto, Cascia e Preci.

Le squadre del personale coinvolto si sono alternate con turni settimanali ed abbiamo avuto la fortuna di avere squadre già conosciute nei nostri comuni per due volte, questo ha anche agevolato e favorito il lavoro, le relazioni di supporto al personale e la loro permanenza nel territorio. Il personale capitolino si è integrato perfettamente con quello del nostro comune e con il tessuto sociale del territorio con straordinaria capacità operativa.

Ci preoccupa il fatto che la fine del progetto sia fissata al 31 ottobre.

Ringrazio di cuore i dipendenti che sono stati al servizio del mio comune, ringrazio tutti gli amministratori di Roma Capitale perché hanno permesso che questo si potesse realizzare.

Tuttavia i nostri comuni hanno ancora bisogno di supporto poiché la fragilità di base delle strutture e l’emergenza che continua all’interno delle sedi amministrative con il prosieguo delle molteplici pratiche da fare ci preoccupa, il mio comune ha un organico di 6 persone e capirete per questo quale sia la mia preoccupazione, vorremmo tutti che il progetto potesse continuare, almeno fino alla fine del periodo di emergenza fissato al febbraio 2017, chiedo con il cuore in mano che questa esperienza, unica e preziosa, possa essere ancora messa in campo come un esperimento di solidarietà di buone pratiche unico ed insostituibile.

Voglio ringraziare anche per la consegna di generi di prima necessità raccolti in collaborazione con i Municipi di Roma, i giocattoli consegnati ai bambini della scuola dell’infanzia hanno fatto felici i bambini.

Mi rammarico solo di non averle potuto dire queste cose di persona Il 19 ottobre, quando si è recato al Com di Norcia, come potrà comprendere ero impegnata nel mio comune che dista 38 km da Norcia con un’emergenza, spero però di incontrarla presto per raccontarle degli aspetti umani di questa bella esperienza di solidarietà, ho avuto modo di parlare con la delegazione della Protezione Civile capitolina, guidata dalla direttrice Cristina D’Angelo, a Lei ho esternato i motivi sia delle mie preoccupazioni che il ringraziamento per quanto state facendo per noi.

Chiedo accoratamente, di continuare questo progetto, mi auguro che il mio grido di aiuto possa essere accolto.

Ringrazio ancora e saluto con il cuore, vi aspetto a Monteleone di Spoleto, sarete sempre i nostri ospiti d’onore.

Il Sindaco di Monteleone di Spoleto
dr Marisa Angelini

share

Commenti

Stampa