Terni, su teatro Verdi il Comune risponde al comitato civico "Progetto mai approvato" - Tuttoggi

Terni, su teatro Verdi il Comune risponde al comitato civico “Progetto mai approvato”

Redazione

Terni, su teatro Verdi il Comune risponde al comitato civico “Progetto mai approvato”

Il ruo smentisce l'ex assessore Sandro Corradi sullo stato dei lavori
Sab, 07/04/2018 - 12:24

Condividi su:


Il Comitato Civico pro Teatro Verdi prosegue nella sua azione volta ad accelerare la procedura realativa alla riapertura del principale teatro cittadino, legata a doppio filo allo scenario politico che si verrà a configurare dopo le elezioni amministrative del 10 giugno. Continua la raccolta delle firme di adesioni al manifesto del Comitato Civico arrivate, ad oggi, a oltre duemila e duecento.

“Purtroppo si assiste ad un degrado sempre maggiore della struttura (recentemente utilizzata come dormitorio e bivacco) che sta scontando la debolezza politica della passata amministrazione ed il vuoto di potere attuale” – scrive il comitato.

“Non basta denunciare la responsabilità di coloro i quali si dovrebbero occupare di questo importante bene della nostra comunità, ma è necessario agire. E il Comitato Civico pro Teatro Verdisi legge in una nota del presidente Roberto Carelli –  che aveva aderito all’Appello per la Cultura lanciato da Marina Valensise sulle pagine del Messaggero, parteciperà il 22 aprile ad un incontro pubblico a Roma al Teatro Flaiano per chiedere alla politica di rimettere la Cultura al centro dell’azione di Governo a tutti i livelli. Cultura intesa come risorsa e volano di sviluppo della comunità, piuttosto che come zavorra improduttiva o addirittura come costo”.

Secondo quanto riferito dal comitato, il Comune di Terni ha fatto sapere, rispondendo tramite il RUP dei lavori del teatro (Mauro Cinti) alla richiesta di visionare il Documento Preliminare di Progettazione (DPP),  che “ancorchè redatto in bozza (il DPP) non è stato oggetto di completamento ed approvazione da parte della Amministrazione Comunale e pertanto non riveste alcuna importanza documentale e quindi non ne è possibile l’ostensione” –  smentendo quanto più volte dichiarato dall’assessore sia a mezzo stampa che nel corso delle sedute della Prima Commissione Lavori Pubblici.

“Praticamente l’ultimo Atto Pubblico è stata la delibera n. 214 del 10 agosto 2017 con la quale si è disposto l’avvio della procedura di revoca della gara e dell’appalto; da allora l’Amministrazione Comunale non ha assunto altri Atti in meritosottolinea ancora Carelli –  nonostante quanto annunciato. Dagli annunci roboanti alla impossibilità di ostensione, il Teatro Verdi sta imboccando la strada della venerazione. Forse quando sarà diventato oggetto di culto e verrà “miracolosamente” riaperto, si guadagnerà anche un processo di beatificazione e, perché no, di santificazione. In attesa di rivolgerci veramente in alto, confidiamo nella Amministrazione che verrà”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!