Terni ricorda le vittime delle bombe della 2^ Guerra Mondiale - Tuttoggi

Terni ricorda le vittime delle bombe della 2^ Guerra Mondiale

Marco Menta

Terni ricorda le vittime delle bombe della 2^ Guerra Mondiale

Mer, 11/08/2021 - 13:36

Condividi su:


Terni ha onorato tutti i civili che caddero sotto le bombe durante la seconda Guerra Mondiale, 78 anni dopo il primo dei 108 bombardamenti.

Terni ha reso omaggio ai propri cittadini che persero la vita per i bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale. Mercoledì 11 agosto, infatti, la città ha celebrato l’anniversario della prima incursione, che ebbe luogo alle ore 10.29 dell’11 agosto 1943.

11 agosto 1943

11 agosto 1943. Molti ternani si rallegravano nelle piazze della città: il 25 luglio il Gran Consiglio del Fascismo aveva esautorato Benito Mussolini; il Re, Vittorio Emanuele III, lo aveva deposto. In tutta Italia manifestazioni e cortei plaudirono all’avvenimento, esaltarono Vittorio Emanuele e il Maresciallo Badoglio. I più, difatti, ritenevano che la guerra fosse finita, ma il peggio doveva ancora venire.

Il monumento con i nomi delle vittime dei bombardamenti

Una cerimonia per ricordare le oltre 1000 vittime dei bombardamenti

L’11 agosto 1943 la campagna aerea degli Alleati colpì anche Terni, sede di un polo siderurgico importante per una nazione ancora troppo vicina alla Germania. Fu il primo dei 108 bombardamenti che devastarono la conca. Oggi, a distanza di 78 anni, in via Lanzi, davanti al monumento che menziona le oltre mille vittime ternane dei bombardamenti, si è tenuta una cerimonia alla presenza delle autorità cittadine, della Prefettura, del Sindaco di Terni, Leonardo Latini.

10 rintocchi del “campanone” e 29 della “campana grande” in onore dei morti

Quest’anno, per la prima volta, su iniziativa di don Guido Tessa, salesiano e parroco-rettore del santuario di San Francesco, dal campanile della chiesa il “campanone” ha scandito 10 rintocchi, e altri 29 la “campana grande”, nel ricordo di quanti persero la vita in quella calda mattina di agosto. A chiudere la commemorazione, poi, l’attore Stefano De Majo, il quale ha recitato alcuni brani tratti da “Blink, il lampo, l’istante e l’eterno”, il suo monologo dedicato al tragico evento.

L’attore Stefano De Majo

Latini: “Un monito nei confronti dell’orrore della guerra”

“Questo 11 agosto – dichiara il Sindaco Latini – è un monito nei confronti dell’orrore della guerra; un monito che deve rimanere ben scolpito nell’animo di tutti noi“. “L’11 agosto – continua – è un momento fondativo della nostra storia, che deve essere letta nella sua interezza”. E’ proprio vero: “Historia magistra vitae”, ripeteva un autorevole personaggio del mondo classico. Il “vecchio”, del resto, non dovrebbe mai essere soppresso, ma parzialmente superato e ricreato nel “nuovo”.

Il Sindaco di Terni, Leonardo Latini, inginocchiato davanti alla targa

“Terni – conclude Latini – ha sempre dimostrato di sapere reagire al meglio ai momenti difficili, è un dovere quasi civico di ogni ternano essere orgoglioso della propria città”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!