Terni prima in Italia per 'odio' (via social) contro disabili, donne e omossessuali - Tuttoggi

Terni prima in Italia per ‘odio’ (via social) contro disabili, donne e omossessuali

Luca Biribanti

Terni prima in Italia per ‘odio’ (via social) contro disabili, donne e omossessuali

Lun, 23/01/2023 - 06:00

Condividi su:


Odio social, Terni prima in classifica nello studio Vox-diritti: tweet contro i disabili, le donne, gli omosessuali, gli Ebrei e i migranti

Donne disabili e omosessuali, Terni è la città che odia (via social) di più in Italia, almeno secondo quanto pubblicato dall’edizione de “La Repubblica” di ieri 22 gennaio: è questo il quadro emerso dalla “Mappa dell’intolleranza”, in base allo studio condotto da diverse università italiane per “Vox diritti – Osservatorio Italiano sui Diritti” (che sarà presentato questa mattina a Milano), che vede Terni al primo posto in questa non invidiabile classifica. Subito dietro si piazzano Roma, Milano, Torino, Napoli e Firenze. Se si pensa al rapporto tra superficie e popolazione è abbastanza sconcertante che proprio Terni occupi il primo posto della classifica delle città che più odiano via social in Italia: tanto per avere un’idea in fatto di numeri, a Terni sono stati registrati, nel 2022, 21.186 tweet di odio, contro i 18.751 di Roma. Impressionante. Lo studio è stato condotto sulla base di 629mila tweet dai ricercatori delle università di Statale Milano, Bari, Roma e Cattolica Milano.

I ternani e l’odio social

Secondo lo studio le categorie che sono state più esposte agli haters sono le donne, gli omosessuali, i disabili, gli immigrati, gli ebrei e gli islamici. Tra meno di un mese sarà San Valentino, santo patrono dell’amore e di Terni, il 27 gennaio si celebrerà la Giornata della Memoria e Terni sembra essere troppo indietro rispetto a una cultura sociale e civile adeguata ai tempi. Evviva San Valentino, insomma.

Le categorie più odiate sui social: donne, disabili e omosessuali. Terni maglia nera

Il dato nazionale dice che il 43% dei tweet di odio colpisca le donne, il 34% i disabili, il 9% gli omosessuali, oltre il 7% gli immigrati, quasi il 7% gli Ebrei e lo 0,15% gli islamici. Vediamo ora i numeri su Terni che, rispetto al dato nazionale, presenta una ‘sorpresa’ poco gradita. I tweet di maggior odio sono infatti rivolti nei confronti dei disabili, 8438, a seguire poi arrivano le donne, 7889, contro gli Ebrei 1858 tweet di odio, 1538 per gli omosessuali, 1376 per i migranti e 38 contro l’Islam.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!