Terni, mamma condannata a 16 anni di carcere per aver ucciso il figlio neonato - Tuttoggi

Terni, mamma condannata a 16 anni di carcere per aver ucciso il figlio neonato

Luca Biribanti

Terni, mamma condannata a 16 anni di carcere per aver ucciso il figlio neonato

Nell'udienza con rito abbreviato, il giudice accoglie le richieste del Pm | Difesa pronta per ricorso in Appello
Mer, 23/10/2019 - 17:36

Condividi su:


Terni, mamma condannata a 16 anni di carcere per aver ucciso il figlio neonato

Sedici anni di carcere per omicidio volontario; è quanto stabilito dal giudice del Tribunale di Terni, Barbara Di Giovannantonio, nei confronti di Barbara Guglielmi, la mamma ternana che nel luglio 2018 era stata indagata per l’omicidio del figlio neonato, poi abbandonato in una sacco di plastica nel parcheggio di una supermercato alla prima periferia della città.


Orrore a Terni, neonato abbandonato in supermercato


Il giudice, che ha accolto le richieste del Pm titolare del fascicolo d’inchiesta Barbara Mazzullo, ha anche stabilito una provvisionale da 30mila euro in favore del padre di Giuseppe, nome con il quale il neonato era stato riconosciuto dal genitore.

L’iter giudiziario non è comunque destinato a finire qui, visto che i due legali difensori della donna, Attilio Biancifiori e Alessio Pressi hanno confermato a TO di voler ricorrere in Appello; tempo 90 giorni per leggere le motivazioni della sentenza di primo grado, poi gli avvocati avranno tempo per formalizzare l’atto, nel quale chiederanno “la derubricazione del capo d’accusa da omicidio volontario a infanticidio. La nostra assistita, colpevole, secondo noi non voleva uccidere il figlio, ma soltanto abbandonarlo. Cercheremo di far valere la consulenza psichiatrica alla quale la donna è stata sottoposta in carcere, nella quale non è stata riscontrata incapacità di intendere e di volere, ma è stato certificato un contesto di abbandono affettivo ed economico. Sarebbero proprio queste le circostanze – precisa a TO la difesa che ci inducono a sostenere che si tratti di un infanticidio e non di un omicidio volontario”. 

Aggiungi un commento