Terni, conferenza all'Istess dal titolo "Siamo tutti greci e non possiamo non dirci cristiani" - Tuttoggi

Terni, conferenza all’Istess dal titolo “Siamo tutti greci e non possiamo non dirci cristiani”

Redazione

Terni, conferenza all’Istess dal titolo “Siamo tutti greci e non possiamo non dirci cristiani”

Interessante incontro con relatore il Prof. Dario Antiseri docente in prestigiose università italiane come Siena, Padova e Roma
Ven, 17/03/2017 - 09:05

Condividi su:


Si svolgerà sabato 18 marzo 2017 alle 16.30 a Palazzo Gazzoli il convegno sul tema Siamo tutti greci e non possiamo non dirci cristiani che vedrà come relatore Dario Antiseri.

Organizzato dall’Istess in collaborazione con l’associazione culturale Pericle, la Diocesi di Terni Narni Amelia e il Comune di Terni con il contributo della Fondazione Carit, l’incontro rientra negli eventi valentiniani e nel calendario del Seminario filosofico dell’Istess.

Originario della città umbra di Spello, Dario Antiseri si è laureato in filosofia presso l’Università di Perugia; ha insegnato all’Università “La Sapienza” di Roma, all’Università di Padova, all’Università di Siena e alla Luiss. È inoltre membro dell’Advisory Board del Centro Studi Tocqueville-Acton. Ha pubblicato testi didattici di filosofia largamente utilizzati e collabora stabilmente con il quotidiano Avvenire.

“Il tema è di grande attualità – spiega Stefania Parisi, direttore dell’Istess – perché tratta delle radici filosofico-culturali che contraddistinguono il continente europeo rispetto ad altre aree del mondo”.

“La prima specificità è la tradizione greca classica. È impensabile un’Europa senza Socrate, Platone e Aristotele, sul cui pensiero si sono formate le università medievali. Ecco perché non possiamo non dirci greci. La seconda specificità è che questa tradizione classica si è insinuata dentro la rivelazione cristiana: Sant’Agostino e tutti i filosofi che si rifanno a lui hanno rappresentato un pOnte, una cerniera tra la cultura classica e la concezione cristiana della vita. Filosofia greca e pensiero cristiano sono quindi i pilastri su cui si regge la cultura europea. Sostenere che non possiamo non dirci cristiani significa quindi che – a prescindere dalla valenza religiosa – i valori mutuati dalla religione cristiana e incentrati sulla difesa della persona e della libertà si sono radicati nei sistemi civili, giuridici e artistici di tutta europa”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!