Ternana Unicusano, tifosi contestano Bandecchi | Finti dollari in sede - Tuttoggi

Ternana Unicusano, tifosi contestano Bandecchi | Finti dollari in sede

Luca Biribanti

Ternana Unicusano, tifosi contestano Bandecchi | Finti dollari in sede

Malcontento in casa rossoverde per il mercato 'povero' del patron
Ven, 02/02/2018 - 12:03

Condividi su:


Ternana Unicusano, tifosi contestano Bandecchi | Finti dollari in sede

Mentre la Ternana Unicusano è in ritiro a Milano Marittima agli ordini del nuovo allenatore Ferruccio Mariani (per preparare al meglio la prossima trasferta di Cesena), a Terni i tifosi contestano la società, nella nuova sede di via della Bardesca.

L’esonero di Sandro Pochesci ha lasciato strascichi importanti nell’ambiente rossoverde che non ha accettato di buon grado le decisioni del patron Stefano Bandecchi, soprattutto in relazione a un mercato considerato non adeguato alle esigenze di una squadra che sembrava aver bisogno di innesti più consistenti e di spessore vista la crisi di risultati e di classifica.

Nel bene o nel male, Sandro Pochesci è un personaggio che ‘spacca’ la tifoseria; c’è chi lo ama e chi lo odia, ma restando alla legge dei numeri, quella che più conta nel calcio, il tecnico esonerato era riuscito a conquistare nemmeno un punto di media a partita.

Abbastanza inutile dunque cercare retroscena di complotti e chissà quali intrighi di potere, un cambio e una scossa all’ambiente erano assolutamente necessari e nel calcio, a pagare è quasi sempre l’allenatore. Pochesci non ha pagato soltanto i limiti tecnici evidenziati dalla squadra, ma anche un atteggiamento da sovraesposizione mediatica che ha infastidito la dirigenza.

Nella notte di ieri, alcuni tifosi, evidentemente non soddisfatti del mercato di riparazione operato dalla società, con un raid notturno all’esterno della sede ha lasciato alcuni dollari falsi con il volto di Bandecchi ritratto.

Ancora non sono stati digeriti l’arrivo del patron in pompa magna al Liberati con l’elicottero e le promesse della serie A in 2 anni a fronte di un mercato oggettivamente non faraonico e non all’altezza delle promesse fatte.


Condividi su:


Aggiungi un commento