Ternana, Longarini e Curva Nord 'più vicini' | Ultras "Coloriamo il Liberati" - Tuttoggi

Ternana, Longarini e Curva Nord ‘più vicini’ | Ultras “Coloriamo il Liberati”

Redazione

Ternana, Longarini e Curva Nord ‘più vicini’ | Ultras “Coloriamo il Liberati”

Confronto informale tra tifoseria organizzata e amministratore unico rossoverde
Mer, 24/02/2016 - 16:09

Condividi su:


Curva Nord Ternana

A seguito dell’incontro tra una nostra delegazione e l’Amministratore Unico della Ternana Calcio, Simone Longarini, la Curva Nord intende comunicare quanto segue.
In primo luogo intendiamo sottolineare che la conversazione, di carattere informale, è da reputare di notevole importanza in quanto va palesemente in controtendenza con quelli che sono stati in questi anni i rapporti tra Longarini, la città di Terni ed i tifosi delle fere. Molteplici le tematiche affrontate, in particolare ci siamo trovati tutti in perfetta sintonia in merito alla palese assenza di spettatori allo stadio Libero Liberati.
Non possiamo dimenticare il passato poiché siamo i primi ad aver pagato le conseguenze di una gestione più che discutibile. Sappiamo bene che la storia della Ternana è stata amministrata in modo approssimativo e talvolta controproducente, ma non vogliamo assolutamente credere che questo diventi un alibi. Continuiamo a chiederci dove sia finito lo spasmodico attaccamento dei tifosi alla propria squadra ed ai suoi colori, spirito che ha sempre contraddistinto la storia della nostra città. Troppi i chiacchieroni da tastiera, portatori della verità assoluta di un mondo virtuale che non ci appartiene. Troppe volte atteggiamenti fuorvianti di alcuni soggetti non hanno fatto altro che disgregare l’ambiente rossoverde.
Noi continuiamo a credere che valori come aggregazione, amicizia, solidarietà e fratellanza, siano aspetti indissolubili da condividere non al pc o davanti ad uno schermo ma attraverso i rapporti umani della vita di tutti i giorni. È evidente a tutti che, senza spettatori, il calcio in una città non ha modo di esistere. Le presenze di quest’anno sono semplicemente ridicole, come anche i fischi contro i giocatori al primo passaggio sbagliato. Inoltre è inaccettabile il fatto che al momento rappresentiamo la diciassettesima piazza di tutta la categoria per afflusso di pubblico.
Noi non siamo così, tanto meno lo è la Terni che noi conosciamo. Non ci sono più scuse ora che la squadra ha finalmente tirato fuori il carattere più volte richiesto ed ora che i risultati cominciano ad arrivare.
Chiediamo per questo alla città di svegliarsi, di togliersi di dosso questa veste pseudo borghese e di tornare ad essere come era. Terni è immobile ed il concetto di collettività sembra oramai obsoleto.
Il risveglio di una città che sembra morta sarebbe il nostro più prezioso auspicio.
Per ottenere un cambiamento significativo è doveroso l’impegno dei protagonisti che ruotano intorno alla Ternana, quindi della società, delle istituzioni e dai responsabili dell’informazione, alcuni purtroppo troppo spesso impegnati a guardare il dito senza vedere la luna. In ultimo ma non meno importanti, anzi determinanti per l’orgoglio e la rinascita della nostra squadra, è l’impegno dei tifosi.
Come possiamo pretendere risultati sportivi davanti a scenari imbarazzanti di un Liberati vuoto e desolante?
Questo incontro è stato anche l’occasione per affrontare tematiche riguardanti il tifo e la battaglia contro leggi repressive, che inevitabilmente determinano la “desertificazione” degli stadi.
La società è stata inoltre informata in merito alle novità riguardanti la tessera del tifoso, il cui insuccesso ormai consolidato è ben noto a tutti. Non a caso, con tutta probabilità, anche il Parlamento si impegnerà nella modifica di tale normativa.
Alla presidenza è stata proposta la possibilità, a partire dalla prossima stagione, di poter sottoscrivere il voucher che rappresenterebbe un’alternativa al classico abbonamento e che risulta essere ormai utilizzato dalla gran parte dei club di Serie A e di Serie B, per aggirare le stringenti norme relative alla tessera del tifoso ed all’articolo 9.
Infine abbiamo informato la società sulla possibilità di rendere le trasferte aperta ai non possessori della tessera, secondo la normativa emanata dal Task Force sulla sicurezza delle manifestazioni sportive, in caso di accordo tra la società in sede di Gos.
In conclusione riteniamo che l’incontro sia stato prezioso per noi e propositivo per ciò che ci aspetta in futuro. Ci auspichiamo che questo possa essere solo l’inizio di un confronto costante e fattivo che abbia come unico e solo intento il bene della Ternana. Con l’occasione è doveroso per noi ringraziare il Signor Longarini per la sua disponibilità senza la quale non sarebbe stato possibile un confronto costruttivo, avanzato nel rispetto dei ruoli e soprattutto delle opinioni.
In ultimo, invitiamo tutti coloro che hanno a cuore i colori rossoverdi a riempire i gradoni dello stadio Liberati durante l’importante sfida di sabato contro lo Spezia.
Facciamo vedere che Terni c’è, e a difesa di una passione, coloriamo il Liberati.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!