Teatro Verdi, Fiorini "Ignorato appello di Sgarbi, facciamolo venire per sopralluogo" - Tuttoggi

Teatro Verdi, Fiorini “Ignorato appello di Sgarbi, facciamolo venire per sopralluogo”

Redazione

Teatro Verdi, Fiorini “Ignorato appello di Sgarbi, facciamolo venire per sopralluogo”

Presentato un atto di indirizzo dove il consigliere chiede la relazione del prof. Sgarbi
Mer, 05/02/2020 - 11:08

Condividi su:


Teatro Verdi, Fiorini “Ignorato appello di Sgarbi, facciamolo venire per sopralluogo”

Emanuele Fiorini Consigliere Comunale del gruppo “Uniti per Terni”, è intervenuto sul protocollo d’intesa tra Comune e Architetti per il bando di ristrutturazione del teatro Verdi.

Dopo le notizie diffuse dall’Assessore Salvati in merito al teatro Verdi, Fiorini, nel giudicare positivamente l’intesa, punta l’attenzione sulla necessità di rivavere un teatro ottocentesco.

“Se vogliamo che Terni abbia un valido rilancio culturale, sicuramente precursore anche di quello economico sottolinea Fiorinidobbiamo realizzare qualcosa di ambizioso per il futuro senza dimenticare il nostro passato.

La cultura rappresenta per Terni la vera e unica opportunità di crescita e di sviluppo, la nostra attenzione va rivolta al teatro Verdi perché esso, simbolo per eccellenza della cultura, rappresenta l’anima, il legame sociale e l’identità della Comunità.

Qualsiasi altro progetto di ristrutturazione sarebbe come dare uno schiaffo alla nostra cultura, magari favorendo qualcuno, ma allo stesso tempo realizzando qualcosa di insignificante, come quel progetto che girava, che più che un teatro era un cinema-teatro di cui la città non ha bisogno.

È necessario considerare vari aspetti riguardanti il teatro Verdi, la sua storia, l’identità della nostra città, le sue radici culturali e la possibilità di conciliare questi aspetti con la contemporaneità, che darebbero luogo ad una filiera di produzione culturale e tecnologica in grado di condurre Terni all’avanguardia.

In merito al nostro teatro è intervenuto anche il Professore Vittorio Sgarbi dichiarando che ‘da qui, con un semplice sopralluogo di ciò che resta del teatro Verdi e senza pregiudizi, occorre ripartire. Senza dogmi e improbabili vincoli’.

Lo stesso aveva dato disponibilità per un sopralluogo insieme alla Dottoressa Maria Mercalli soprintendente delle belle arti dell’Umbria e la stessa Amministrazione, ma quest’ultima non ha mai risposto.

In merito a tale situazione ho presentato un atto di indirizzo dove chiedo di organizzare quel famigerato sopralluogo, al fine di superare tutti gli ostacoli e ridare alla nostra città il teatro dell’800 che tutti ci invidiavano, ma soprattutto far rinascere il simbolo per eccellenza della nostra cultura. Confido, infine, nella volontà dell’Amministrazione di votare e dunque organizzare quel sopralluogo, per il bene della città”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!