I tassisti umbri in protesta sotto la Regione | Foto - Tuttoggi

I tassisti umbri in protesta sotto la Regione | Foto

Flavia Pagliochini

I tassisti umbri in protesta sotto la Regione | Foto

Con il lockdown c'è stato un calo del lavoro del 97% e nessun aiuto concreto: la denuncia di UriTaxi
Mar, 21/07/2020 - 18:18

Condividi su:


Un calo del lavoro del 97%, e nessun aiuto concreto, dalla Regione o dallo Stato. Lo denunciato i tassisti umbri, che martedì 21 luglio hanno protestato sotto Palazzo Donini.

Abbiamo lavorato spesso per spirito di dovere, rispondendo alle richieste di persone anziane, sole o portatrici di handicap, molte volte offrendo gratuitamente i servizi. E ci sono stati molti giorni, sotto lockdown, dove i taxi in servizio hanno chiuso la giornata con zero corse. Come succede ancora oggi in molti centri minori“, le lamentele.

Calo di lavoro per le auto bianche: sotto lockdown -97%

Col lockdown imposto dal governo – spiegano da Uritaxi Umbriae con il blocco di tutti gli spostamenti non essenziali, si è venuto a verificare uno stallo quasi completo del servizio, seppure la finalità di servizio essenziale non ha completamente bloccato i taxi, i quali con tutte le restrizioni del caso hanno comunque garantito gli spostamenti essenziali richiesti soprattutto per supermercati, farmacie e ospedali, ma con un calo effettivo del lavoro vicino al 97%“.

L’attuale situazione dopo le riapertura post lockdown registra invece una flessione del lavoro vicina all’80% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre per tutto l’anno in corso non dovrebbe riprendere più della metà rispetto all’anno scorso, nei grandi centri o nei centri turistici. “Per quello che riguarda i piccoli centri della Regione la situazione è anche peggiore – segnalano i tassisti umbri – per mesi non si sono avute richieste e attualmente si registrano poche corse nell’intero arco della giornata“.

A fronte di questo calo, “sono rimaste in essere tutte le spese di gestione: gasolio, INPS, Inail, tasse, assicurazioni RC auto, assicurazioni vita e integrative, quote di cooperativa e servizio radiotaxi, manutenzione mezzi alle quali si sono aggiunte quelle di pulizia e sanificazione straordinaria, acquisto DPI, e divisori anti Covid, nonché le spese private di gestione familiare. A questo si è aggiunta la difficoltà nella sospensione dei mutui e dei leasing dei mezzi che in molti casi non è stato possibile sospendere e che a settembre ripartiranno“.

Le richieste dei tassisti umbri

Per questo i tassisti umbri chiedono:

  • contributi a fondo perduto, in integrazione a quelli erogati dallo Stato (come hanno disposto molte altre regioni), da destinare alle aziende artigiane o più specificatamente al TPnL, contributi che vadano a coprire almeno in parte le spese di gestione.
  • rimodulazione delle restrizioni sul limite degli occupanti delle autovetture pubbliche, di due persone per vettura per vettura (anch’esso fatto in altre regioni).
  • emanazione di voucher da distribuire ai turisti e alle fasce di popolazione più debole e che hanno necessità di spostamenti per cura o bisogno.

Questi voucher – concludono i tassisti umbri – avrebbero una tripla finalità: sostenere il TPnL, favorire lo spostamento turistico rendendo le città Umbre più appetibili verso altre mete, e favorire la mobilità di soggetti deboli che in condizioni normali non avrebbero possibilità di accesso economico al servizio“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!