Bollo auto, Pd chiede esenzione per i veicoli delle onlus - Tuttoggi

Bollo auto, Pd chiede esenzione per i veicoli delle onlus

Redazione

Bollo auto, Pd chiede esenzione per i veicoli delle onlus

I firmatari Leonelli e Casciari, sottolineano che l'esenzione per questa tipologia di veicoli è già prevista in altre regioni.
Gio, 19/10/2017 - 16:14

Condividi su:


“Esentare dal pagamento della tassa automobilistica i veicoli di proprietà delle associazioni di volontariato, con sede in Umbria e iscritte al registro regionale del volontariato nel settore sanitario e sociale, adibiti esclusivamente al soccorso, ad ambulanze di trasporto di natura sanitaria, al trasporto specifico di persone disabili con ridotte o impedite capacità motorie permanenti ed al trasporto di organi e sangue. La destinazione, l’uso nonché gli adattamenti del veicolo devono risultare dalla carta di circolazione”. È il dispositivo di una mozione firmata dai consiglieri regionali Giacomo Leonelli e Carla Casciari (Partito democratico).

“La tassa automobilistica, cosiddetta ‘bollo’ – spiegano nell’atto -, è un tributo proprio delle Regioni a statuto ordinario il cui gettito, a decorrere da gennaio1993 è totalmente a loro favore tanto da essere definita tassa automobilistica regionale. Alcune categorie di veicoli risultano esentati dal pagamento del bollo sia per disposizioni legislative nazionali che regionali”.

“Per i veicoli adibiti al trasporto sanitario, l’art 3 della legge regionale ‘5/2002’ prevede l’esenzione del pagamento della tassa automobilistica regionale per i veicoli di proprietà di soggetti aventi sede legale in Umbria, iscritti al registro regionale delle organizzazioni di volontariato al settore protezione civile e al settore salvaguardia ambientale operanti nella protezione civile. Per i veicoli di proprietà di disabili – viene spiegato nella mozione – è prevista l’esenzione permanente dell’imposta di bollo a patto che il veicolo sia intestato al disabile ovvero a un soggetto rispetto al quale quest’ultimo è fiscalmente a carico, ossia quando il disabile ha un reddito annuo lordo non superiore a 2.840,51 euro, che il veicolo abbia una cilindrata non superiore a 2000 cc, se a benzina, e a 2800 cc, se a gasolio”.

Leonelli e Casciari ricordano che “non sono agevolabili i veicoli intestati a società od enti, pubblici o privati e quindi i veicoli di proprietà di associazioni di volontariato (onlus) operanti in ambito sanitario e sociale. Come rilevato dalle Misericordie dell’Umbria e dall’Anpas Umbria, tali organizzazioni svolgono un ruolo fondamentale in ambito sociale e sanitario nonché nell’ambito di protezione civile, venendo queste attivate da Sindaci e Regione anche in caso di emergenze come la recente esperienza del terremoto testimonia. L’esenzione per questi veicoli – concludono – è invece prevista in altre regioni”.

Foto repertorio TO

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!