Taglio del nastro per il Centro antiviolenza dell'Altotevere - Tuttoggi

Taglio del nastro per il Centro antiviolenza dell’Altotevere

Redazione

Taglio del nastro per il Centro antiviolenza dell’Altotevere

Cerimonia di inaugurazione presso il Consultorio del distretto sanitario di Via Vasari a Città di Castello
Mer, 26/11/2014 - 09:53

Condividi su:


Taglio del nastro per il Centro antiviolenza dell’Altotevere

E’ stato inaugurato ieri, nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il centro di ascolto antiviolenza dei comuni di Città di Castello, San Giustino, Citerna e Monte Santa Maria Tiberina.

Il servizio, “battezzato” alla presenza del presidente del Centro delle Pari Opportunità della Regione Umbria Daniela Albanesi, è collocato presso il Consultorio del distretto sanitario di via Vasari ma a rispondere al numero antiviolenza 085 8509444 saranno operatrici, ostetriche e assistenti sociali di tutto il distretto AltoTevere della Ausl Umbria 1 e le volontarie della Croce Rossa. “Nel 2014 le segnalazioni a Telefono Donna in Umbria hanno raggiunto quota 900, sintomo di un fenomeno dalla dimensioni inquietanti e allo stesso tempo del fatto che il numero antiviolenza sta funzionando” ha detto la presidente Albanesi, precisando che Città di Castello è il 12° servizio aperto e che per oggi (mercoledì 26 novembre) sono previste inaugurazioni anche a Marsciano e Todi.

Il Centro di ascolto antiviolenza risponderà il lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 13.30; martedì, mercoledì, giovedì dalle 15 alle 18. “Le donne in difficoltà possono telefonare, saranno ascoltate da personale competente e quindi verrà costruito con loro un percorso a seconda del bisogno o del disagio che manifestano” ha detto Daniela Felicioni, direttore del Distretto sanitario della Ausl Umbria 1. “Grazie alla rete di consulenza specialistica del Centro regionale delle Pari Opportunità, siamo in grado di assistere le donne a 360 gradi”.

Al taglio del nastro, preceduto dalla firma ufficiale del protocollo d’intesa (tra Comune di Città di Castello, Azienda Sanitaria Usl Umbria 1, Centro per le pari opportunità della Regione dell’Umbria e Croce Rossa Italiana-sezione Alta Valle del Tevere, per la realizzazione di un programma di azioni integrate contro la violenza e il maltrattamento nei confronti delle donne), erano presenti il sindaco tifernate Luciano Bacchetta, il sindaco di Citerna Giuliana Falaschi, il sindaco di Monte Santa Maria Tiberina Letizia Michelini, l’assessore alle Politiche sociali di San Giustino Elena Mancini, la delegata del presidente di Croce Rossa Emy Vincenti.

Foto di Remo Odoni

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!