Successo su tutti i fronti per la partecipazione del Gal ai Primi d’Italia

Successo su tutti i fronti per la partecipazione del Gal ai Primi d’Italia

Il presidente Fusaro dona alla città la riproduzione della Madonna di Foligno | Amoni rassicura, il Festival resterà sempre in città

share

Quattromila e cinquecento degustazioni offerte gratuitamente; dodicimila visite a Palazzo De Comitibus – Gentili – Spinola – Orfini; oltre 350 partecipanti alle visite guidate nella dimora storica ed oltre cinquecento tra adulti e bambini che hanno assistito agli spettacoli proposti nell’affascinante giardino aperto per l’occasione.

Sono questi i dati, snocciolati questa mattina in una conferenza stampa a Palazzo Comunale, in merito alla partecipazione del Gal Valle Umbra e Sibillini alla ventunesima edizione de I Primi d’Italia. A presentarli, lo stesso presidente Gianpiero Fusaro; il sindaco Nando Mismetti ed il presidente dell’Epta Confcommercio Aldo Amoni.

Nella cornice di uno dei palazzi nobiliari più belli del centro storico, in via Gramsci, risalente al quindicesimo secolo, il Gal ha allestito uno speciale villaggio, o meglio – come è stato ribattezzato – il ‘Palazzo del Gusto’ proponendo ovviamente le tipicità del territorio, che ricomprende i 23 comuni dell’area del Folignate, dello Spoletino e della Valnerina.

Non solo primi, ma anche esposizione di materiale promozionale, una speciale mostra fotografia curata da Bernardino Sperandio e Pier Paolo Metelli; spettacoli – come si dice – per grandi e piccini, di Andrea Paris e Nicola Pesaresi, Sabina Antonelli e Maria Luisa Morici.

Divertimento, alimentazione ed anche valorizzazione artistica con le visite guidate e la speciale riproduzione, in grandezza reale dalla famosissima ‘Madonna di Foligno’ conosciuta in tutto il mondo e conservata nei Musei Vaticani tra le opere più importanti realizzate da Raffaello Sanzio. L’opera tornò eccezionalmente in città grazie ai buoni uffici dell’attuale presidente della Valle Umbra Servizi Lamberto Dolci. La riproduzione è stata ufficialmente donata questa mattina, al sindaco Nando Mismetti che si è impegnato a trovarle degna collocazione.

Particolarmente apprezzato, è stato anche il convegno sul tema “La cultura de cibo – Percorsi di conoscenza alimentare dalla tradizione alle nuove frontiere”.

La conferenza stampa è stata anche l’occasione per fare il punto sull’evento de ‘I Primi d’Italia’. “Sono nati a Foligno e per Foligno e si continueranno a fare a Foligno – ha tenuto a precisare Amoni – qualche città, anche in Umbria, ci ha chiesto di poter fare anche una sola giornata, ma non se ne parla”.

Il presidente del Gal, Gianpiero Fusaro ha annunciato l’arrivo di nuovi fondi per la promozione territoriale e l’incremento di progetti legati alla cultura barocca.

“La città rispetto a venti anni fa, quando è cominciato il festival ed eravamo in piena emergenza terremoto è cresciuta moltissimo – ha concluso il sindaco Nando Mismetti – quell’obiettivo che ci eravamo dati di passare dalla ricostruzione allo sviluppo sta portando risultati ed oggi, anche sul fronte turistico possiamo dire che Foligno non è seconda a nessuno. La nuova SS77 è stata una scommessa vinta – ha sottolineato – anche se noi stessi avevamo alcune perplessità, ma ora la Val Menotre e Colfiorito sono l’esempio di una concreta rinascita”.

share

Commenti

Stampa