Studenti, successo Open Day Liceo artistico “Di Betto” | Denuncia Scuola e Provincia "impianto clima manomesso“ - Tuttoggi

Studenti, successo Open Day Liceo artistico “Di Betto” | Denuncia Scuola e Provincia “impianto clima manomesso“

Redazione

Studenti, successo Open Day Liceo artistico “Di Betto” | Denuncia Scuola e Provincia “impianto clima manomesso“

Lun, 17/01/2022 - 21:33

Condividi su:


Si è svolto ieri (16 gennaio) il secondo open day del Liceo artistico “Bernardino di Betto” che, come per la prima edizione dell’11 dicembre u.s., ha confermato, nonostante la pandemia ne abbia determinato la modalità a distanza, la partecipazione di numerose famiglie interessate a conoscere l’Offerta Formativa e i dettagli organizzativi dell’istituto. La scuola, collocata in posizione strategica a pochi passi dalla stazione ferroviaria e prossima all’uscita di Prepo, si articola in tre edifici attigui: uno centrale che ospita uffici amministrativi, palestra, laboratori delle sezioni di pittura e design della moda, e 20 aule; un altro, caro a studenti e docenti con il soprannome di “steccone”, che ospita i laboratori di plastica, architettura e design del libro; un terzo (“stecchino”) che ospita 7 classi. Il percorso del Liceo Artistico coniuga la dimensione laboratoriale con la riflessione teorica, mirando a fare emergere le capacità estetiche negli allievi. Favorisce l’acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica; guida gli alunni alla padronanza dei linguaggi e delle tecniche artistiche; fornisce gli strumenti necessari per la conoscenza del patrimonio artistico e del suo valore nella società odierna; promuove l’approfondimento e lo sviluppo di conoscenze, abilità e competenze necessarie per raggiungere una efficace capacità progettuale. Inoltre, grazie ad un continuo interscambio con le principali Istituzioni e Aziende del territorio, favorisce il prosieguo degli studi e possibilità di inserimento nel mondo del lavoro.

L’OFFERTA DIDATTICA PER GLI STUDENTI

Il primo biennio è orientativo: con un sistema di rotazione delle classi, gli alunni frequentano i laboratori artistici di tutti gli indirizzi mentre dal 3° anno il laboratorio dell’indirizzo scelto. Gli indirizzi attivati nel corrente anno scolastico, ognuno dei quali dotato di specifici e innovativi laboratori, sono 5 e precisamente “Architettura e Ambiente”, “Arti figurative bidimensionali- Pittura” “Arti figurative – bidimensionali e tridimensionali – pittura e scultura”, “Design della moda”, “Design del libro”. Attivo anche un corso serale per studenti lavoratori ed una classe del primo biennio presso la Casa circondariale di Capanne.

Numerose le collaborazioni avviate nel tempo con Enti e associazioni del territorio per la realizzazione di interventi artistici, di restauro e progetti di riqualificazione urbana come, solo a titolo esemplificativo, con la Biblioteca Villa Urbani Perugia (mostra e lettura dei libri realizzati dagli studenti), la progettazione e realizzazione di opere pittoriche destinate ad arredare i corridoi e le stanze di degenza dei reparti Medicina e Medicina d’Urgenza dell’Ospedale di Assisi, la progettazione e realizzazione della Mostra permanente presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia, la realizzazione di una copia dell’opera scultorea“Panchina Rossa” contro la violenza sulla donna collocata presso Palazzo Penna. Tra i partner dell’Istituto, inserito nella RE.NA.LI.ART (Rete Nazionale Licei Artistici), spiccano i Comuni di Perugia e Magione, la Provincia di Perugia, l‘Università degli Studi di Perugia, l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, l’Ordine degli Architetti di Perugia, il FAIFondo Ambiente Italiano, la Galleria Nazionale dell’Umbria, il Museo Archeologico, l’Azienda Cucinelli di Solomeo, Palazzo Baldeschi, Italservice – Fiera del vintage, le associazioni LIBERA contro le mafie, Emergency, C.A.M.E.P ( Club auto e moto d’epoca perugino) e la F.I.S.O. – Federazione Italiano Sport Orientamento o Emergency ONG Onlus.

Impianto clima “manomesso”.

In merito alla notizia rilasciata da un non meglio precisato ‘Comitato genitori e alunni’ e ripresa da qualche testata giornalistica circa la mancata ripartenza dell’impianto di riscaldamento del cd. “stecchino”, la Dirigente scolastica precisa che già da lunedì 10 gennaio, e così nei giorni successivi, è stato attivato il competente Ufficio della Provincia, titolare dell’appalto di manutenzione”. E’ questo l’incipit inviato nel pomeriggio dall’Istituto scolastico. “Il guasto ha richiesto più interventi in loco della ditta appaltatrice la quale, come relazionato, ha accertato una manomissione all’impianto ad opera di ignoti, atto questo che non mancherà di essere segnalato alla competente A.G.. L’Istituto, alle prese con la grave situazione pandemica che non di meno colpisce docenti, personale amministrativo e ausiliario, ha sempre provveduto a ricercare, ove possibile, idonee alternative al fine di tutelare la salute degli studenti anche ricorrendo all’Aula Magna. Inoltre, per quanto a conoscenza della Direzione scolastica, l’assenza di una sola classe dalle lezioni nella giornata di venerdì 14 gennaio, non è connessa al blocco dell’impianto di riscaldamento ma alla adesione dello sciopero organizzato su scala nazionale per quel giorno dai Comitati studenteschi (rife. trasporto pubblico locale). Si informa infine che la Segreteria didattica non ha ricevuto richieste telefoniche di genitori che volevano conferire con la Dirigente scolastica, la quale resta sempre disponibile ad interloquire con famiglie e studenti, come avvenuto anche in questi giorni. Rammarica quindi l’atteggiamento di chi tenta di alterare la narrazione degli eventi minando l’immagine dell’Istituto”.

Nel comunicato dell’ente di Piazza Italia si conferma che l’impianto è stato oggetto di un atto vandalico con cui sono state manomesse le valvole termostatiche “dalle quali è entrata dell’aria all’interno del circuito, provocando il blocco di una piccola parte di esso. Tale disservizio ha interessato solamente 4 aule a fronte di una superficie ben più estesa. Attualmente l’impianto è monitorato costantemente per evitare altri spiacevoli inconvenienti. Il guasto all’impianto di riscaldamento dello “Stecchino” è stato risolto”.

L’opera dei soliti ignoti ha creato un danno rilevante sia sotto il profilo economico che del servizio offerto dai docenti ai propri alunni.

Ultima notizia: Moda, da Di Betto e Federmanager ponte tra scuola e lavoro

(in home page una foto d’archivio tratta dal sito scolastico)

Aggiornato alle h. 08.58 del 18 gennaio 2022

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!