Stroncone, Marco Serafini candidato sindaco civico di centrodestra | E la Lega si dissocia - Tuttoggi

Stroncone, Marco Serafini candidato sindaco civico di centrodestra | E la Lega si dissocia

Redazione

Stroncone, Marco Serafini candidato sindaco civico di centrodestra | E la Lega si dissocia

Il 41enne, sostenuto dal comitato "Stroncone Civica", spiega "Il mio paese merita oggi più che mai di essere protagonista e vivere una nuova fase di rilancio politico, sociale e culturale"
Lun, 25/03/2019 - 07:59

Condividi su:


E’ Marco Serafini, 41 anni, il primo candidato sindaco ufficiale di Stroncone in vista delle elezioni amministrative del 26 maggio 2019. Ad annunciarlo è il comitato “Stroncone Civica”, che annuncia che “la lista avrà una connotazione civica,  ispirata ai valori del centro destra”.

I motivi della candidatura

A spiegare i motivi della sua candidatura è lo stesso Marco Serafini. “Dopo alcuni mesi di confronto con movimenti, partiti e soprattutto cittadini, – spiega – ho deciso di dare la mia disponibilità per candidarmi a sindaco di Stroncone”.

“Superando calcoli, convenienze e attendismi, che non mi appartengono, – evidenzia Serafini – ho deciso di accettare la sfida che raccolgo in nome e per conto dei tanti compaesani ed amici che in queste settimane mi hanno affettuosamente espresso la loro fiducia.  Il mio paese, nel quale sono nato, cresciuto e nel quale vivo con la mia famiglia, merita oggi più che mai di essere protagonista e vivere una nuova fase di rilancio politico, sociale e culturale.

La mia candidatura civica, fatta con orgoglio ma senza protagonismo, spero possa allargarsi fino ad assumere le caratteristiche di una ‘importante ed aggregante coalizione per il futuro’ nell’interesse unico del paese di Stroncone.

Ben conoscendo le attuali difficoltà delle amministrazioni locali, le problematiche di un territorio vasto ed importante come quello del Comune di Stroncone, e l’isolamento che oggi più che mai tutti i piccoli borghi purtroppo subiscono, urge il supporto ed il coinvolgimento di tutta la cittadinanza, di tutte le associazioni e di tutti i movimenti presenti sul territorio.

Stroncone – dice ancora il candidato sindaco– tra le tante difficoltà che presenta, ha oggi la necessità di camminare verso il futuro.  L’idea della nostra comunità proiettata nei prossimi decenni, è il valore aggiunto sul quale lavorare sin da oggi per tentare di incidere sul  ruolo del nostro comune nel contesto regionale e nel rapporto diretto con i propri cittadini.

La mia è la visione di una comunità unita, che deve uscire dalla riproposizione di vecchi schemi e superare le lacerazioni del passato, che non hanno più senso di essere riproposte, se non per l’egoismo di pochi o per gli interessi trasversali di altri.

Questa è la mia speranza e questa è la nostra sfida, che vogliamo vincere insieme ai tanti cittadini di Stroncone anticipando modelli alternativi di sviluppo e coniugando tradizione ed innovazione nel solo interesse della nostra comunità.

Nei prossimi giorni annunceremo il nome della nostra lista ed i loro candidati e successivamente costruiremo luoghi di confronto in tutto il territorio dove sarà possibile fornire idee e suggerimenti da inserire nel programma amministrativo. Il futuro è già nelle mani dei nostri concittadini. Noi ci saremo!”.

La Lega si dissocia

Se l’orientamento della lista civica a sostegno di Marco Serafini è di centrodestra, i partiti ufficiali – Lega in primis – non sembrerebbero intenzionati a sostenerlo, puntando forse su un altro candidato a sindaco. Di sicuro, comunque, c’è che al momento il Carroccio non ha scelto alcun candidato alla fascia tricolore per Stroncone.

Ad intervenire è Barbara Saltamartini, Commissario Lega Terni, commentando la notizia apparsa in merito alla candidatura di Marco Serafini a Stroncone. “Non ci risulta – spiega – che il centrodestra si sia determinato sulla scelta di quale candidato sindaco sostenere a Stroncone. Quel che è certo è che la Lega non si è ancora espressa ufficialmente, riservandosi di approfondire con la propria base quale sia la figura migliore su cui puntare. In tal senso attribuirsi rappresentanze più ampie è una fuga in avanti che non aiuta a trovare la sintesi migliore”.

(aggiornato alle ore 10.58)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!