Spoleto, studente rapinato per debiti poker: Polizia arresta 18enne – Allarme sociale per giochi d'azzardo - Tuttoggi

Spoleto, studente rapinato per debiti poker: Polizia arresta 18enne – Allarme sociale per giochi d'azzardo

Redazione

Spoleto, studente rapinato per debiti poker: Polizia arresta 18enne – Allarme sociale per giochi d'azzardo

Ven, 21/12/2012 - 15:49

Condividi su:


Carlo Ceraso
Un credito di 20 euro contratto a poker è costato caro ad un diciottenne spoletino, M.C. le sue iniziali, arrestato dagli agenti del vicequestore Francesca Peppicelli con l’accusa di rapina e lesioni lievi. Il grave episodio è successo ieri nel cuore della città del festival quando il 18enne ha incontrato un suo ‘amico’ dal quale pretendeva la somma che quest’ultimo aveva perso durante una partita a carte. Il giovane, minorenne, ha spiegato di non avere i soldi e ha cercato di guadagnar tempo. A quel punto il creditore, senza pensarci un attimo, lo ha afferrato per un braccio trascinandolo lungo una delle vie che circondano il borgo. Qui M.C. ha sottratto alla vittima il cellulare, forse per rivenderlo al mercato nero, forse per tenerlo come pegno. Il ragazzino ha provato a riprendersi il maltolto ma è a questo punto che M.C. gli ha sferrato un pugno al volto mandandolo a terra. L’aggressione deve aver richiamato l’attenzione dei residenti che hanno allertato il 113. Una volante è arrivata a tempo di record e nel giro di poco è riuscita a identificare e arrestare il 18enne. Il gip gli ha concesso gli arresti domiciliari. La vittima ha invece rifiutato sia la visita dei sanitari, sia di denunciare l'aggressore.
Allarme giochi d’azzardo – forse è ancora presto per parlare di allarme sociale, fatto è che sono sempre di più i giovanissimi dediti ai giochi d’azzardo. Dalle slot machine alle carte da poker. Ieri mattina, ma è notizia di queste ore, il preside si è visto costretto a sospendere l’autogestione concessa agli studenti perché un estraneo era entrato nel plesso scolastico. L’intruso indubbiamente deve aver aggirato gli addetti alla sicurezza (che durante l’autogestione viene gestita degli studenti) ed ha raggiunto alcuni locali dove, a quanto pare, intendeva convincere i ragazzi a fare qualche partita a carte. Da evidenziare che sono stati gli stessi studenti a segnalare alla presidenza la presenza dell’estraneo che è stato immediatamento allontanato dalla scuola.
© Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!