Spoleto, manutenzione e ripulitura del Ponte delle Torri

Spoleto, manutenzione e ripulitura del Ponte delle Torri

20mila euro stanziati da Fondazione CaRiSpo per messa in opera di ancoraggi stabili

share

Ventimila euro per realizzare, lungo il Ponte delle Torri, un sistema di ancoraggi stabili, interrati, che consentiranno agli speleologi di calarsi dal monumento per operazioni di ripulitura e manutenzione.

Grazie ad un finanziamento di ventimila euro da parte della Fondazione CARISPO – per cui ringrazio il Presidente Sergio Zinni per la sensibilità dimostrata e il sostegno accordatoci – saremo presto in grado di realizzare un progetto che ci consentirà di poter operare a lungo termine e con elevati livelli di sicurezza per la salvaguardia  di una tra le emergenze più importanti del nostro patrimonio storico-artistico”. A dare la notizia del finanziamento è l’assessore ai lavori pubblici Angelo Loretoni che spiega come ora “sarà possibile realizzare una serie di punti di ancoraggio stabili, non a vista, a scomparsa, da collocare lungo il camminamento del ponte. Questi ancoraggi saranno utilissimi agli operatori e agli speleologi per calarsi in condizioni di sicurezza in tutte quelle attività di monitoraggio e di manutenzione che riguardano uno dei monumenti simbolo di Spoleto”.

Il progetto è stato presentato e già approvato dalla Soprintendenza. Il finanziamento da parte della Fondazione CARISPO consentirà ora di avviare le procedure necessarie per l’esecuzione dei lavori entro un periodo di sei mesi.

Gli ancoraggi stabili permetteranno tra le altre cose di completare, con standard di sicurezza più elevati, l’attività di ripulitura avviata grazie alla collaborazione tra il Comune e le sezioni locali del Gruppo Speleologico CAI e del Lions Club che ha già consentito nel 2015, una prima volta a giugno e una seconda a settembre, una serie di interventi importanti per liberare il ponte da rifiuti, edere, arbusti e erbe infestanti.

Oltre a quelli di ripulitura dalle erbacce il progetto tra Comune, CAI e Lions ha consentito di posizionare tre sensori per permettere la misurazione delle vibrazioni alla società Enea che sta lavorando ad un progetto di monitoraggio del Ponte delle Torri per la valutazione della sua vulnerabilità sismica.

share

Commenti

Stampa