Spoleto 58, Mieli parla di futuro con Ferrara, Asti e Fendi - Tuttoggi

Spoleto 58, Mieli parla di futuro con Ferrara, Asti e Fendi

Redazione

Spoleto 58, Mieli parla di futuro con Ferrara, Asti e Fendi

Negli "Incontri" ricordi, speranze e sogni di chi ce l'ha fatta | Al via i primi eventi organizzati da Hdrà
Sab, 27/06/2015 - 19:44

Condividi su:


Spoleto 58, Mieli parla di futuro con Ferrara, Asti e Fendi

Una sala gremita ha salutato oggi a Spoleto il debutto del ciclo di Incontri di Paolo Mieli, il format pensato dal gruppo Hdrà per il Festival dei 2Mondi che vedrà alternarsi, in tre fine settimana, grandi nomi della cultura, dell’economia, della politica e delle istituzioni. Sul palco, nella prima giornata, Giorgio Ferrara, direttore artistico del Festival, insieme ad Adriana Asti, seguiti da Carla Fendi e Silvia Venturini Fendi.

“Vogliamo cercare di scoprire dai nostri ospiti – ha spiegato Mieli – quali sono state le più grandi speranze della giovinezza, le promesse non mantenute, i sogni realizzati. E come vedono il futuro adesso”.

Domande difficili, ma stimolanti. “Ho un certo lieve tremore pensando al futuro – ha confessato Giorgio Ferrara – ma lo supero vivendo con ottimismo e cercando di vedere tutto positivamente”. Una visione che per molto tempo non è stata possibile per Adriana Asti, attrice superba e moglie di Ferrara, che ha parlato senza remore della depressione che in passato l’ha accompagnata: “Sono stata paziente di Cesare Musatti per 35 anni”, ha raccontato. “Oggi perseguo l’ozio nel lavoro. Potrebbe essere un futuro piacevole. Forse lavorerò tutta la vita. Ma oziando”.

Il secondo incontro ha visto protagoniste Carla Fendi, presidente onorario della maison e grande sostenitrice del Festival spoletino, e Silvia Venturini Fendi, che porta avanti oggi la tradizione familiare contribuendo a globalizzare il marchio. “Mio padre – ha detto la prima – ci parlava del futuro. Diceva che il nome Fendi, breve, musicale, facilmente comprensibile, sarebbe divenuto famoso nel mondo”. Un’autentica visione diventata realtà grazie a un talento tutto femminile. “Faccio parte della terza generazione di questa famiglia di donne dalla forte personalità, modelli complessi e importanti a cui guardo anch’io”, ha chiosato Silvia Venturini Fendi.

Il ciclo di incontri, che proseguirà domattina con Sandro Veronesi, autore tra i più apprezzati della narrativa italiana contemporanea, è stato concepito e organizzato dal gruppo Hdrà. Il Presidente, Mauro Luchetti, ha salutato il debutto della manifestazione con un auspicio: “Abbiamo riaperto il magnifico giardino di Palazzo Campello, nel quale si intratteneva Gian Carlo Menotti. Per il prossimo anno speriamo possa riaprire l’intera struttura per sancire la completa rinascita del Festival, che grazie a Giorgio Ferrara e a tutta l’organizzazione ha ricevuto in questi ultimi anni un impulso fortissimo”.


Condividi su:


Aggiungi un commento