Spazio Humanities, spazio anche all'attualità con la poesia ucraina

Spazio Humanities, spazio anche all’attualità con la poesia ucraina

Redazione

Spazio Humanities, spazio anche all’attualità con la poesia ucraina

Lun, 14/03/2022 - 19:27

Condividi su:


Il cartellone di incontri e iniziative per il mese di marzo | E per Poesiaeuropa, a settembre, un messaggio di pace

Poesia, storia, letteratura, filosofia. E attualità nelle iniziative promosse dall’Associazione di promozione sociale Spazio Humanities.

Invito a un autore dall’Ucraina

A Poesiæuropa 2022, Spazio Humanities APS promuove una cultura di pace (#perunaculturadipace): l’Associazione di promozione sociale, presieduta da Maria Borio, infatti, intende invitare alla III edizione in presenza di Poesiæuropa, il festival internazionale posto, per tre anni consecutivi, sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, un’autrice o un autore dall’Ucraina, che possa portare la propria testimonianza nell’alveo di un incontro dedicato al dialogo culturale tra Europa e Russia rispetto al contesto geopolitico attuale.  

Gli incontri di Tetragono

Intanto continuano gli incontri online di Tetragono, ciclo di seminari integrativi alle attività didattiche e rivolti alle scuole. Dopo quelli dedicati a Un’idea della Vita Nova di Dante – con Stefano Carrai, e a Rileggere la Prima Guerra Mondiale attraverso Andrea Zanzotto: commento di una poesia da Il Galateo in Bosco – con Andrea Cortellassa, a cui hanno partecipato numerose classi del Liceo Pieralli di Perugia e del Liceo Properzio di Assisi, si aggiungono ora altre due conferenza-reading della durata di 2 ore e che saranno condotti a distanza tramite la piattaforma per videoconferenze Zoom. Si tratta di Edmund Husserl: un capitolo di filosofia del Novecento – con Rino Genovese (28 marzo, dalle 11.00 alle 13.00) e Documento di Amelia Rosselli e gli anni Settanta fra letteratura e storia – con Stefano Giovannuzzi (4 aprile, dalle 11.00 alle 13.00).

L’iniziativa, indirizzata a tutti quei docenti di discipline umanistiche che vogliano integrare la didattica per gli studenti del triennio con un’esperienza formativa all’avanguardia, è giunta alla II edizione, dopo il successo riscontrato lo scorso anno, con il quale si pone su una linea di continuità formativa.

Il ciclo di incontri

La novità di quest’anno risiede nel fatto che il ciclo di quattro incontri ha ottenuto il prestigioso accreditamento e riconoscimento del MIUR in qualità di progetto didattico che prevede anche corsi di aggiornamento per docenti.

Il ciclo propone, pertanto, quattro incontri che, a partire dai programmi ministeriali, sono pensati come supporto alla didattica attraverso un’attività seminariale ad hoc da parte di relatori d’eccellenza. Particolare rilievo verrà dato alla presentazione di innovativi metodi per l’analisi testuale delle opere letterarie, nonché alla trattazione di autori del canone novecentesco che altrimenti non troverebbero spazio adeguato nei piani formativi.

Poesiaeuropa

Una ulteriore novità risiede nel fatto che sia i docenti che gli studenti sono chiamati a partecipare a un contest per progetti legati ai seguenti temi – a) ambiente/spazio da abitare; b) politiche linguistiche; c) letteratura e scienza – nel corso della terza edizione di Poesiæuropa, manifestazione internazionale che si terrà a settembre 2022 e che è dedicata alla cultura umanistica europea e ai suoi rapporti con politica e scienza. I progetti che risulteranno vincitori verranno presentati e discussi, in italiano e in inglese, in un forum insieme ai relatori del programma della manifestazione.       

Poesiæuropa esiste anche grazie al supporto delle istituzioni dei singoli Paesi degli autori e delle autrici partecipanti; non essendo, nel caso dell’Ucraina, possibile, l’Associazione chiede un aiuto a chiunque voglia per sostenere le spese e rendere, così, possibile l’incontro. Le donazioni possono essere devolute a Arci Spazio Humanities APS / Banca Etica – IBAN: IT 76 W 05018 03000 000016916744.

Non da ultimo, Spazio Humanities APS propone il ciclo Le età, che, unitamente ad Exordium, il contest dedicato a giovani poeti emergenti, intende ripercorrere le età dell’uomo e riflettere sulle ricorrenze dell’anno corrente, con uno speciale dedicato a Pier Paolo Pasolini.

Gli incontri sulla pagina Facebook

Di seguito, il calendario dei tre incontri trasmessi in diretta streaming sulla pagina Facebook di Umbrò Cultura (https://www.facebook.com/umbrocultura):

  1. EXORDIUM

15 marzo, ore 18.30

Con Giorgiomaria Cornelio, Marilina Ciaco, Riccardo Delfino, Mattia Tarantino – Coordinano: Federica Ziarelli e Valerio Massaroni.

  • A RAFFAELE LA CAPRIA

22 marzo, ore 18.30

Con Raffaele Monica – Coordinano: Maria Borio e Giorgio Villani.

Raffaele La Capria, nato a Napoli nel 1922, è uno degli autori più significativi del secondo Novecento italiano. Ricordiamo, tra gli altri, il suo romanzo più noto, Ferito a morte (1961, Premio Strega) e L’estro quotidiano (Premio Viareggio per la narrativa, 2005).

  • PIER PAOLO PASOLINI, UN SECOLO

5 aprile, ore 18.30

Con Maria Grazia Calandrone e Alberto Russo Previtali – Coordina: Ylenia Papa.

L’evento si inserisce nel ciclo delle numerose inizative volte a celebrare il centenario della nascita dello scrittore, poeta, autore e regista cinematografico e teatrale italiano (Bologna, 1922 – Ostia, Roma, 1975), la cui opera, che ha sperimentato tutti i generi, dal romanzo al teatro al cinema, sino alla critica letteraria e alla poesia, è rientrata nel canone dei classici del secondo Novecento.

Verranno ripercorsi gli esordi in friulano, con Poesie a Casarsa (1942) e La meglio gioventù (1954), passando per la prima notevole raccolta di poesie in lingua, Le ceneri di Gramsci (1957), per la pubblicazione dei due romanzi d’ambientazione romana: Ragazzi di vita (1955) e Una vita violenta (1959), e per quella di Petrolio (1992), fino al linguaggio cinematografico con i risultati compiuti de, tra gli altri, Il Vangelo secondo Matteo (1964), Edipo re (1967), Medea (1969), Decameron (1971) e l’ultimo film, uscito postumo, Salò o le 120 giornate di Sodoma (1976).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!