SI E' SVOLTA A BEVAGNA LA “GIORNATA ECOLOGICA”

SI E' SVOLTA A BEVAGNA LA “GIORNATA ECOLOGICA”

share

 Sabato 2 aprile, in via Alarico Palmieri, presso le strutture sportive, si sono svolte due manifestazioni estremamente interessanti: la “Giornata Ecologica” e la attivazione degli impianti fotovoltaici. Alla “Giornata Ecologica”(ore 15) hanno partecipato l’ASD Bevagna, l’Agesci, gli Arcatores Mevania, l’Arci Bahia Bevagna, l’Arcicaccia, Il Centro Sociale di Capro, il Centro Solidarietà di Cantalupo, il Comitato Popolare di Limigiano, il gruppo ECB di Bevagna, l’Enal caccia, la Libera Caccia di Cantalupo, il Pesca Club Mevania, le Pro Loco di Bevagna, Cantalupo-Castelbuono e Torre del Colle, la Bocciofila “Città di Bevagna” e il Centro Sociale “Madonna delle Grazie”. La “Giornata Ecologica” è un momento di aggregazione per grandi e piccini che serve a far comprendere a tutti l’importanza di tenera pulita la propria città. Oggi, rispetto al passato, c’è una grande sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali. L’amministrazione comunale di Bevagna e le tante associazioni ricreative, sportive e culturali che animano il tessuto sociale del territorio, sono molto attive in questo senso e si adoperano per mantenere alta l’attenzione dei cittadini su questioni che riguardano da vicino tutto ciò che fa riferimento all’ambiente ed alla sua tutela. Alle ore 17.30, nei medesimi spazi, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione degli impianti fotovoltaici che sono stati installati sopra i tetti della palestra e della tribuna del campo di calcio. Il fotovoltaico rappresenta il futuro nel settore delle energie rinnovabili. In questo momento, a livello mondiale, dopo il terremoto e lo tsunami che hanno seriamente danneggiato una centrale nucleare in Giappone, si sta molto discutendo sulla pericolosità intrinseca che comporta il nucleare stesso. In tale contesto gli impianti fotovoltaici che sono stati posizionati a Bevagna rappresentano l’inizio di una possibile inversione di tendenza che stimola a favorire, nel settore pubblico e in quello privato, l’uso delle fonti rinnovabili.

 

share

Commenti

Stampa