"Sfranta", la scatola/catalogo regalo del Festival di Spoleto che sembra un Happy Meal - Tuttoggi

“Sfranta”, la scatola/catalogo regalo del Festival di Spoleto che sembra un Happy Meal

Carlo Vantaggioli

“Sfranta”, la scatola/catalogo regalo del Festival di Spoleto che sembra un Happy Meal

Dom, 22/01/2023 - 10:50

Condividi su:


Interrotta la tradizione del Catalogo patinato con foto e testi scelti e brevi, consuetudine mantenuta per ben 64 anni

Chi si svoglia di mattina con un inguercibile sgatoscio…” (Mario Marenco)

Vogliamo iniziare un nuovo articolo inutile, dei tanti nostri domenicali, con la frase di apertura di una famosa composizione del mai dimenticato Mario Marenco, di professione architetto, ma per diletto compagno di birbonate radiofoniche e poi televisive del duo Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. La poesia, pensosa e un po’ bohémien, fu letta in una puntata di Alto Gradimento nei primi anni ’70 e si intitolava Sfranta.

Al solito, sappiamo già che queste nostre memorie giurassiche non daranno nessun diletto ai più, ma quel verso, a metà tra l’onomatopea e il birignao di un bambino di 4 anni, è l’esatta rappresentazione di come devono essersi “svogliati”, una mattina d’autunno nel 2022, coloro che hanno ideato il regalo di fine anno del Festival dei Due Mondi di Spoleto, indirizzato a sponsor, stampa, sostenitori come i Mecenati e altre autorità a cui ricordare i successi dell’edizione di Spoleto65.

La Cofanazza, stile Happy Meal

Dunque, chi quella mattina fatidica si è “svogliato con un inguercibile sgatoscio”, deve aver detto tra sé e sé: “qui ci vuole una bella botta di gioventù-giovanilista, un vero cambiamento di stile, qualcosa che incarni appieno la nostra voglia di sostenibilità e futuro”.

E dopo qualche pensamento pensoso ed esistenzialista, è scattata la scintilla: un cofanetto che racchiuda tutte le fatiche della manifestazione appena conclusa. Qualcosa che faccia capire che loro sono “i gggiovani” (con 3 G, non avete letto male) e che l’idea di un Catalogo patinato con foto, testi scelti e brevi, consuetudine mantenuta per ben 64 anni, a cui era allegato anche un biglietto personalizzato di auguri, era ora che andasse definitivamente in pensione.

Risultato finale una bella scatola o “Cofanazza”, avrebbe detto Marenco, con all’interno tutti i programmi di sala di Spoleto65 e un gustoso portfolio di scatti scelti, in bianco e nero.

A prima vista, per colore e fattezza, la prima cosa che può sollecitare la mente di un giovane è la straordinaria somiglianza con la scatola dell’Happy Meal, il contenitore delle famose prelibatezze con regalo di McDonald’s, dedicati a bambini. Più giovane di così!

Per quanto, vista la colorazione scelta, la consistenza del materiale e le fattezze, ci potrebbe anche essere un certo rimando mnemonico alla scatola del Crispy mcBacon o a quella delle alette di pollo piccanti.

Sostenibilità, plastificata…

Anche ad un occhio non particolarmente esperto, una delle prime impressioni che la cofanazza restituisce è che la consistenza della stessa non è affatto sufficiente a reggere il peso dei programmi di sala (stampati con carta riciclata) contenuti all’interno. E la cosa deve essere stata più che una impressione anche per chi ha ideato il simpatico cadeau. Tant’è che ci sarebbe stata una corsa a irrobustire “l’Happy Meal de noantri”, con una bella plastificazione del tutto. Che, se lo racconti durante uno degli eventi di sostenibilità promossi con fervore nel corso della nuova gestione targata Monique Veaute, rischi che ti tirano le pietre come nella canzone di Antoine, giusto per rimanere in tema francese, che alla Direttrice magari fa piacere.

Sarà una nostra impressione ma di sostenibile, in questo caso, c’è di sicuro il riciclaggio dei programmi di sala avanzati nel corso di Spoleto65 e che sono stati così smaltiti a babbo morto presso i recapiti di amici, sponsor, sostenitori e parenti inconsapevoli, senza nemmeno un biglietto di auguri nel quale ricordare che il tutto, eventualmente, va messo in libreria e non nel bidone della carta. Al massimo si potrebbe riciclare la cofanazza per un trasporto di cibarie, che, dopo la plastificazione, mantiene caldo anche il cibo.

Il dramma dei corrieri e le ammaccature inevitabili…

Nella confusione generale su cataloghi, Happy meal e riciclaggi plastificati, spunta fuori un dramma nel dramma: quello dei corrieri che sotto Natale, nel consueto casino generale, erano incaricati della consegna a vari indirizzi.

Uno degli autisti, conosciuto bene anche dalla Redazione di Tuttoggi, per le frequenti consegne e ritiri presso il nostro domicilio, ci ha raccontato di quasi un 30 – 40% di consegne mancate dello scatolozzo a causa di indirizzi sbagliati, con il conseguente dramma del deposito in attesa di chiarimenti. Sotto Natale, proprio quello che tutti gli autisti dei corrieri vorrebbero avere come regalo. Il tutto evidentemente frutto di un indirizzario decisamente non aggiornato.

E se non bastasse lo sballottamento del regalone causa indirizzo errato, lo stesso, laddove consegnato correttamente, arrivava spesso con un aspetto decisamente vissuto! Le foto parlano da sole e ci permettiamo di aggiungere – avendo una certa pratica familiare di materia poligrafica – che la causa delle ammaccature sono da addebitare solo ed unicamente alla scelta decisamente sbagliata della grammatura della scatola rispetto al peso del contenuto. Il povero trasportatore vessato sotto Natale c’entra davvero poco stavolta.

“Sfranta”, un successo inequivocabile…

Essendo anche noi un po’ birbaccioni come il grande Mario Marenco, con nessun talento rispetto all’originale per carità, non potevamo che trovare una esatta definizione per la cofanazza festivaliera, che potesse raccontare, in un solo aggettivo, tutto il vissuto pensoso, pensante, ed esistenzialista, che l’ha portata ad essere la novità che interrompe una gloriosa consuetudine al Festival dei Due Mondi: quella del catalogo, durata per ben 64 anni.

Ebbene a noi “Sfranta” è sembrata la più adatta, anche più di quella quasi ovvia di Happy Meal. La differenza la fa indubbiamente la forte vena di nonsense che i responsabili della scelta festivaliera ci mettono in ogni cosa che fanno, trasformandola in una sorta di ridicule, alla francese.

Prossima tappa, il manifesto ufficiale e poi a seguire, magari, lo Statuto della Fondazione.

Che ci fai tanto con tutta sta cartaccia in giro? Smaltimento consapevole!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!