Settimana Mondiale della Tiroide 2018, a Perugia incontro professionisti e associazione pazienti - Tuttoggi

Settimana Mondiale della Tiroide 2018, a Perugia incontro professionisti e associazione pazienti

Redazione

Settimana Mondiale della Tiroide 2018, a Perugia incontro professionisti e associazione pazienti

L’importanza della multidisciplinarietà nei percorsi di cura | In Umbria  i pazienti sono circa 200 mila
Sab, 19/05/2018 - 11:45

Condividi su:


Le malattie della tiroide hanno un forte impatto sociale, in considerazione di una patologia che colpisce circa il 20% della popolazione, con prevalenza di donne,  con l’Umbria che ne è particolarmente colpita per assenza di iodio.  Per fare  il punto sui percorsi assistenziali,  professionisti e associazioni dei pazienti si sono ritrovati presso la  sala convegni del Residence “Daniele Chianelli”: “Sempre più persone scoprono incidentalmente le patologie legate ad un cattivo funzionamento della tiroide e per questo  necessitano del supporto dello specialista – ha sostenuto  l’endocrinologo, esperto in tireopatie  prof. Efisio Puxeddu- . Tenuto conto di una frequenza  cosi elevata, è necessario rafforzare le conoscenze interdisciplinari, avvalendosi del volontariato”.

L’incontro  di venerdì 18 maggio, come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, è stato organizzato dalla onlus “La Lumaca”, attiva da 17 anni, che ha coordinato tutte  iniziative della  Settimana Mondiale della Tiroide 2018 .

“I professionisti con i quali ci interfacciamo -dice la presidente Anna Maria  Biancifiori – hanno ben compreso che  i pazienti oltre le terapie  necessitano di una rassicurante  umanizzazione. La stretta relazione del gruppo multidisciplinare, di cui fanno parte  gli esperti di  endocrinologia, chirurgia toracica, anatomia patologica e  medicina nucleare, permette di prendere in carico il paziente e seguirlo in tutte le fasi della malattia, così sollevandolo dalla burocrazia”.

I  medici  intervenuti, Isabella Sabalich, Cristina Tranfaglia, Barbara Palumbo, Massimo Dottorini, Giuseppe Murdolo ,Massimo Monacelli, Miche D’Ajello, Renato Colella , Silva Morelli ed Efisio Puxeddu nei loro interventi hanno  sottolineare  l’importanza del ruolo dei volontari della “ Lumaca” quali facilitatori della loro attività  “In molti casi – è stato detto- si crea  con i pazienti una  relazione che va oltre la malattia, fino ad arrivare all’amicizia”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!