SerieB/Ternana, ancora caos ripescaggi | Il Coni rimanda tutto alla prossima settimana

SerieB/Ternana, ancora caos ripescaggi | Il Coni rimanda tutto alla prossima settimana

Elusa la tempistica indicata a inizio udienza per la stesura di un comunicato

share

Il presidente Franco Frattini aveva assicurato un comunicato nella tarda serata, ma tutto è stato rinviato a lunedì o martedì addirittura. È l’epilogo della lunga giornata nella sede del Coni di Roma, dove si è riunito il il Collegio di Garanzia composto dal Presidente Franco Frattini, Mario Sanino (Relatore), Massimo Zaccheo, Dante D’Alessio e Gabriella Palmieri (Componenti) per la discussione di due punti che riguardano molto da vicino la Ternana Calcio: la decisione Del Tfn e del Cfa sul D4 relativo ai criteri di ripescaggio e il ricorso presentato da Ternana, Siena e Pro Vercelli.

Per quanto riguarda il primo punto discusso, che rimetterebbe in gioco il Novara e di conseguenza il Catania tra le ripescabili, la posizione del collegio difensivo della Ternana, rappresentato dagli avvocati Giotti, Porietti e dal professor Mario Spasiano, è chiara: quello del ripescaggio non è un diritto, ma un interesse giuridicamente protetto dalle norme stabilite dalla Federazione.

Sul secondo punto, gli avvocati ‘rossoverdi’ hanno mantenuto la posizione che da sempre sostiene la società del patron Bandecchi; cioè che nei confronti delle squadre che hanno commesso un illecito sportivo non si può applicare il criterio dei termini temporali. Semplicemente non potrebbero ambire al ripescaggio.

La Ternana Calcio non commenta e non rilascerà dichiarazioni in merito allo slittamento della sentenza del Collegio di Garanzia – si legge in una nota ufficiale dei rossoverdi –  Questa sera, alle 20.00, nell’ora in cui sarebbe stato emesso il dispositivo, suonerà nuovamente allo stadio Liberati, per tre volte, la canzone “Don Chisciotte” di Francesco Guccini. Lo spirito quindi rimane lo stesso e la canzone continuerà a suonare allo stadio alle 11.00 e alle 16.00 come accaduto fin’ora e fino al giorno della sentenza”.

share

Commenti

Stampa