Semplificazione e digitalizzazione | Regione Umbria lancia consultazione online - Tuttoggi

Semplificazione e digitalizzazione | Regione Umbria lancia consultazione online

Alessia Chiriatti

Semplificazione e digitalizzazione | Regione Umbria lancia consultazione online

Bartolini, "la Regione vuole coinvolgere tutta la cittadinanza" | Piano in Consiglio entro marzo
Lun, 18/01/2016 - 19:59

Condividi su:


Le best practices della Regione Umbria toccano anche il processo di semplificazione e di digitalizzazione. E’ la voce dell’assessore Bartolini a chiedere che si faccia cassa di risonanza, anche tramite i mezzi di comunicazione, delle novità in arrivo per il piano triennale 2016-2018. “Dopo una fase di consultazione classica con gli stakeholders e gruppi di interesse, vogliamo riaprire la consultazione ai cittadini tramite la rete“, ha detto Bartolini oggi in conferenza stampa nella sagrestia restaurata della Chiesa di San Benedetto dei Condotti a Perugia, nello stabile in uso all’Adisu, al fianco del commissario dell’ente per il diritto allo studio umbro, Maurizio Oliviero.

Per la Regione ci sono dunque dei punti di debolezza: la mancata sinergia e complementarietà tra le politiche di semplificazione e quelle di digitalizzazione; la partecipazione che risulta carente nella fase attuativa; e l’inadeguata attività di comunicazione. “Abbiamo predisposto un blog dove sarà possibile lasciare un contributo, una proposta e votare le stesse positivamente o negativamente”, ha rimarcato Bartolini. “I cittadini non sanno che si possono consultare i referti sanitari online, non sanno che si possono prenotare le visite mediche via Cup online. E’ ora che questi strumenti vengano utilizzati”.

La Regione Umbria sta individuando le azioni di semplificazione da attuare per il prossimo triennio – ha dichiarato l’assessore Bartolini -. Da anni la semplificazione rappresenta una richiesta costante e continua da parte di imprese e cittadini che chiedono una Pubblica Amministrazione più efficiente e meno burocratica ed è fondamentale per aumentare la competitività del territorio, migliorare la qualità della vita dei cittadini, rafforzare il rapporto tra Pubblica Amministrazione e mondo delle imprese facendo in modo che i cittadini acquisiscano fiducia nelle Istituzioni. Basti pensare – ha sottolineato Bartolini – che, per ogni procedimento amministrativo,  l’Istat ha calcolato un costo reale di circa duemila euro per una media impresa artigianale. Con le azioni attuative del Piano triennale 2012-2014 la Regione Umbria ha sperimentato nuove metodologie, nuovi sistemi organizzativi, definendo standard e modelli. Nel contempo ha avviato un sistema di monitoraggio e una valutazione delle attività, realizzando anche indagini oggettive sul territorio, per valutare gli impatti dell’azione regionale. Ciò ha permesso di acquisire consapevolezza dei punti di forza e dei limiti di tali azioni. Il lavoro compiuto negli scorsi anni peraltro ha permesso alla Regione Umbria di salire ai vertici nazionali (nel 2012, ultima rilevazione, al terzo posto tra le regioni, rispetto al quattordicesimo del 2002) in una particolare classifica che analizza gli elementi di trasparenza e dei processi amministrativi”. E’ proprio da queste analisi e valutazioni – ha proseguito Bartolini – che, per la definizione del Piano triennale 2016-2018, sin dalla sua prima stesura, è stata scelta una nuova modalità operativa per raggiungere maggiori, migliori, ma soprattutto più tangibili risultati“.

Il Piano sarà organizzato sulla base di 5 linee guida di intervento definite dopo un periodo di incontri con rappresentanze di imprese e cittadini, organizzazioni professionali e di categoria, professionisti, enti locali e pubblici, terzo settore. Il blog per acquisire le informazioni e la partecipazione dai cittadini resterà online fino al 20 febbraio, poi a marzo il piano verrà sottoposto in giunta regionale per l’approvazione. Il documento di Piano che seguirà questo processo partecipativo costituirà dunque il punto di partenza di un percorso pluriennale che vedrà la Regione impegnata, insieme a tutti gli interlocutori del sistema regionale, nell’attuazione di azioni che siano in grado di garantire il rilancio della competitività del sistema economico regionale ed il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. “Le linee di intervento da sottoporre a valutazione pubblica – ha concluso l’assessore – si basano su un deciso orientamento all’ innovazione (di metodo e tecnologica), alla trasparenza ed alla partecipazione e previsione di misure concrete e mirate ad alleggerire i cittadini, ridurre i costi e sbloccare le imprese. E queste azioni non dovranno riguardare soltanto la Regione ma anche gli Enti Locali. Un attenzione particolare ad esempio andrà rivolta all’effettiva messa a regime degli Sportelli unici per le attività produttive e l’edilizia che attualmente sono stati istituiti soltanto nel cinquanta per cento dei comuni e, di questi, solo una piccola parte sono effettivamente funzionanti”.

Nel blog che è stato attivato possono partecipare tutti i cittadini, inviando le proprie idee oppure commentando le idee già proposte. L’indirizzo diretto del blog è umbriasemplice.ideascale.com oppure si può accedere attraverso il sito istituzionale della Regione all’indirizzo www.regione.umbria.it.

Si può accedere al blog tramite la propria mail oppure tramite un social network al quale si è iscritti e che si trova in icona sulla pagina di registrazione. L’Amministrazione Regionale valuterà i contributi sulla base della congruità rispetto all’impianto strategico del Piano Triennale di Semplificazione e dei documenti programmatici regionali e della coerenza e compatibilità con le linee di intervento individuate.

©Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!