SCUOLE SICURE, TERNI CITTA' D'ECCELLENZA NELLA CLASSIFICA NAZIONALE DI LEGAMBIENTE SUGLI EDIFICI SCOLASTICI - Tuttoggi

SCUOLE SICURE, TERNI CITTA' D'ECCELLENZA NELLA CLASSIFICA NAZIONALE DI LEGAMBIENTE SUGLI EDIFICI SCOLASTICI

Redazione

SCUOLE SICURE, TERNI CITTA' D'ECCELLENZA NELLA CLASSIFICA NAZIONALE DI LEGAMBIENTE SUGLI EDIFICI SCOLASTICI

Mer, 02/03/2011 - 19:00

Condividi su:


Aggiornato alle 9.15: Il 36% degli edifici scolastici italiani è in situazione di emergenza e la percentuale delle scuole che necessita di interventi di manutenzione straordinaria non ha fatto registrare variazioni positive negli ultimi anni. Su 42.000 edifici, infatti, la metà è situata ancora in aree a rischio sismico e solo il 58% possiede il certificato di agibilità. E' questa l'allarmante fotografia scattata da Ecosistema scuola 2011, il rapporto di Legambiente sull'edilizia scolastica, presentato questa mattina a Lucca.
L'indagine di Legambiente analizza anche la realtà umbra ed emerge una buona posizione del comune di Terni che si attesta nella parte alta della graduatoria con il 9° posto e una posizione meno positiva la posizione di Perugia con un 53° posto. La differenza è dovuta sostanzialmente al fatto che le scuole ternane hanno performance migliori per quanto riguarda le buone pratiche di gestione sostenibile e la sicurezza degli edifici.
Da Ecosistema Scuola emerge quindi che le 171 scuole dei due capoluoghi di provincia sono state costruite molto più di 20 anni fa, 12 sono quelle costruite tra il 1990 e il 2009 e che solo 11 sono edificate con criteri antisismici. Il 78% è dotato di giardini e il 28% di palestre.
Per quanto attiene alla sicurezza non è molto confortante sapere che nella totalità degli edifici vengono fatte le prove di evacuazione e che tutte hanno le porte antipanico se poi non tutte hanno le necessarie certificazioni. In questo caso però si registra la maggiore sicurezza delle scuole della città di Terni, infatti tutti i 62 edifici hanno avuto il collaudo statico e l'idoneità statica. A Perugia 58 sono invece le scuole con il collaudo statico e 18 con l'idoneità statica su un totale di 109 edifici scolastici. 50 scuole ternane hanno l'agibilità, 53 il certificato di prevenzione incendi e tutte il certificato igienico sanitario. A Perugia la situazione è più preoccupante, infatti solo 48 su 109 hanno l'agibilità, 26 la certificazione igienico sanitaria e 36 il certificato di prevenzione incendi.
Dato negativo è quello relativo all'accessibilità e agli interventi svolti per l'abbattimento delle barriere architettoniche. Solo in 13 scuole (5 a Perugia e 8 a Terni) sono state eliminate le barriere architettoniche e solo il 55% degli edifici ha i requisiti previsti dalle norme per quanto riguarda l'accessibilità.
Anche per i servizi la città di Terni primeggia su quella di Perugia. In 21 scuole ternane vengono somministrati pasti parzialmente biologici contro le 9 di quelle perugine, va sottolineato però che nessuna scuola eroga pasti totalmente biologici. 32 sono le scuole che a Terni hanno la cucina interna contro le 24 di Perugia. Sono solo 4 gli edifici che utilizzano fonti di energia rinnovabile, 3 a Terni ed 1 a Perugia.
Per quanto riguarda la raccolta differenziata le scuole umbre sono abbastanza virtuose, infatti oltre il 60% delle scuole fa la raccolta differenziata della plastica, del vetro e della carta. Sono invece meno attente al raccolta di toner e stampanti fatta solo nel 18 % dei casi.
Per quanto riguarda invece le situazioni di rischio ambientale, la totalità degli edifici è in zone a rischio sismico, 3 a Terni sono a rischio idrogeologico e 1 sempre a Terni a rischio industriale. Il Comune di Terni ha effettuato il monitoraggio per il rischio amianto da cui è emerso 1 caso certificato di presenza di amianto, ma non bonificato. Ci sono poi 3 scuole di cui 2 a Perugia e 1 a Terni in prossimità di elettrodotti, 6 gli edifici a Perugia in prossimità di antenne radiotelevisive e 2 vicine ad antenne per la telefonia mobile. Infine 5 le scuole sempre a Perugia che si trovano a meno di 1km da aree industriali, 1 a meno di 1 km da un aeroporto e 12 a meno di 1 km da una superstrada.
“La scarsità delle risorse a disposizione sicuramente è il limite maggiore che non permette di avere edifici scolastici adeguati e sicuri – commenta Alessandra Paciotto presidente di Legambiente Umbria – e comunque ci troviamo nella nostra regione in una situazione sufficientemente tranquilla. E' necessario però che siano garantite organicità e stabilità delle risorse, perché l'edilizia scolastica divenga terreno di riqualificazione e gestione edilizia di eccellenza, attenta alla sostenibilità e alla vivibilità anche formativa dei luoghi dove ogni giorno vivono i cittadini più giovani. Occorre quindi intervenire in tempi brevi in quel 36% gli edifici che necessitano di interventi di manutenzione urgenti e individuate le risorse per mettere in sicurezza tutte le altre”.
———————-
“L'ottima posizione di Terni nella classifica nazionale di Legambiente per gli edifici scolastici meglio tenuti e più sicuri è il frutto di un impegno ultradecennale con investimenti cospicui che questa amministrazione ha confermato e sta portando avanti nella piena convinzione che la scuola pubblica sia una risorsa fondamentale per lo sviluppo della comunità”, dichiarano il sindaco Leopoldo Di Girolamo e l'assessore alla Scuola Simone Guerra.”Rendere gli edifici scolastici non solo sicuri ma anche accoglienti è un impegno da onorare nei confronti delle famiglie e dei loro figli che devono trovarsi in ambienti idonei e capaci di supportare una istruzione e formazione di livello. E' anche un onere rilevante sia in termini di impiego delle risorse umane, e per questo va un plauso alla direzione manutenzione del nostro comune, che di risorse economiche, sempre più difficili da reperire visti i pesanti tagli del governo centrale”. La diffusione dell'indagine di Legambiente, che vede Terni al 9° posto della graduatoria nazionale, costituisce l'occasione per fare il punto della situazione sugli investimenti degli anni scorsi, complessivamente 22 milioni di euro, e su quelli in corso.Su tutti e 68 gli edifici scolastici di competenza comunale è stata eseguita la verifica della presenza di amianto e si è proceduto alla relativa bonifica conclusasi con l'ultimo intervento sulla scuola media Orazio Nucula. Le strutture sono state tutte adeguate anche per quanto riguarda gli impianti elettrici e termici. Per quanto attiene la prevenzione incendi l'89% degli edifici scolastici è stato messo a norma; nelle scuole elementari Anita Garibaldi, San Giovanni, materna ed elementare Donatelli e la scuola media De Filis sono in corso i lavori o comunque sono già stati programmati per questa estate. Per la scuola Matteotti e la scuola Alterocca sono previsti nel piano triennale delle opere pubbliche, annualità 2011, i fondi necessari per l'adeguamento delle vie di fuga mediante la realizzazione delle scale di emergenza esterne. Per la scuola elementare Oberdan il completamento dell'adeguamento della prevenzione incendi avverrà con la realizzazione dell'ampliamento già programmato.Ecco i quadro completo dei lavori recentemente eseguiti, in corso o già programmati con un impegno di spesa di 4 milioni e 900 mila euro: 1- Scuola materna e nido Rataplan, via Narni: adeguamento antincendio, sostituzione infissi, copertura (in corso d'esecuzione) euro 454 mila;2- Scuola media G. Marconi: copertura palestra, 1° stralcio, euro 170 mila lavori in corso;3- Scuola elementare Matteotti, rifacimento copertura, euro 100 mila (lavori eseguiti);4- Scuola Media O. Nucula: eliminazione amianto copertura e sostituzione infissi, Euro 510 mila (lavori eseguiti);5- Scuola elementare e materna XX Settembre: sostituzione infissi, Euro 125 mila (lavori in corso);6- Scuola elementare Battisti: rifacimento copertura Euro 100 mila (lavori eseguiti);7- Scuola A. Garibaldi, adeguamento statico e antincendio, euro 2 milioni (inizio lavori prossima estate);8- Scuola elementare San Giovanni: adeguamento antincendio, abbattimento barriere architettoniche, euro 400 mila, (inizio lavori prossima estate);9- Scuola elementare Donatelli: adeguamento antincendio, abbattimento barriere architettoniche, euro 350 mila, (inizio lavori prossima estate);10- Scuola Media De Filis: adeguamento antincendio, abbattimento barriere architettoniche, euro 700 mila, progettazione in corso.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!