Scuola, il piano Covid del Governo e le proposte del gruppo umbro

Scuola, il piano Covid del Governo e le proposte del gruppo di lavoro umbro | Lunedì sciopero e presidio a Perugia

Redazione

Scuola, il piano Covid del Governo e le proposte del gruppo di lavoro umbro | Lunedì sciopero e presidio a Perugia

Criticità e proposte: il lavoro di docenti e genitori inviato al ministro Azzolina e alle istituzioni regionali e locali
Ven, 05/06/2020 - 14:42

Condividi su:


Scuola, il piano Covid del Governo e le proposte del gruppo di lavoro umbro | Lunedì sciopero e presidio a Perugia

A scuola a settembre, senza classi spezzate in doppi turni, ma con flessibilità di orario, uso delle mascherine o dei caschetti protettivi, aule più grandi per mantenere le distanze di sicurezza o realizzazione di barriere in plexiglass. E didattica a distanza in caso di una nuova pandemia. Questo il piano per il rientro in classe illustrato dal ministro Azzolina nell’incontro con i rappresentanti sindacali e delle istituzioni locali. Il Governo lavora quindi per un rientro in classe a settembre, come annunciato dal premier Conte. Che ha anche spiegato come, rispetto all’edilizia scolastica, i sindaci avranno i poteri del commissario straordinario per far effettuare lavori di ampliamento o individuare nuovi spazi per le lezioni.

Annunci, quelli del Governo, che però hanno suscitato varie perplessità, da parte dei sindaci, delle organizzazioni sindacali e anche dei genitori.

Il gruppo umbro

Personale scolastico e genitori in alcuni casi da tempo stanno lavorando per fornire indicazioni per un rientro in classe rapido e in sicurezza. Come a Perugia, dove si è costituito un gruppo di lavoro trasversale, formato da Giovanni Jacopo Tofanetti (dirigente scolastico), Caterina Martino (insegnante scuola secondaria di 2 grado), Serena Bruno (insegnante scuola primaria), Fiorella Patiti (educatore nido), dr. Italo Marinetti (dirigente pediatra), Giulia Paciello /responsabile cooperativa sociale), Eleonora Orsini (genitore lavoratore dipendente), Giulia Romano (genitore lavoratore dipendente), Valentina Seri (genitore lavoratore dipendente), Francesca Tasselli (genitore lavoratore dipendente), Valeria Tocchio (genitore lavoratore autonomo), Eliana Venier (genitore lavoratore autonomo). Un gruppo di lavoro nato dal gruppo “Genitori figli Fase 2 scuole aperte Umbria”. Che dopo un incontro il 29 maggio ha presentato un documento con le proprie proposte per una ripresa sicura delle lezioni “ragionata e partecipata”.

Scuola, i soggetti coinvolti

Il documento è stato indirizzato al ministro Azzolina e al vice ministro Ascani, alla governatrice umbra Tesei, all’assessore regionale Agabiti, al sindaco di Perugia Romizi, al presidente della Provincia di Perugia Bacchetta, al rettore Oliviero e alla collega della Stranieri Grego in Bolli, al presidente di Anci Umbria de Rebotti, alla direttrice dell’Ufficio scolastico Iunti, al presidente Scuola autonome Umbria Belardinelli e ad altri soggetti che, per il loro ruolo istituzionale, impattano con il tema scuola e formazione.

Orario minimo e personale

Il gruppo già a fine maggio chiedeva l’indicazione, da parte del Ministero, dell’orario minimo delle lezioni da effettuare in presenza. Suggerendo poi di ipotizzare una strutturazione dell’altra parte dell’orario scolastico in altri ambiti (la cosiddetta didattica in spazi diffusi) e la eventuale previsione di cattedre miste anche con la rivalutazione della figura dell’insegnante di sostegno, o di altri insegnanti, non curricolari, ma parimenti inseriti nell’organico. Ed ovviamente, si chiedono certezze circa le risorse del personale docente e Ata.

Problemi di competenza locale

Il gruppo chiedeva poi all’Ufficio scolastico regionale di promuovere una conferenza dei servizi per i problemi attinenti gli enti territoriali, in particolare per gli spazi a disposizione per la didattica in presenza. Al fine di verificare un rapido monitoraggio di quelli esistenti e di quelli alternativi da attivare, anche attraverso appositi bandi.

In particolare, in ordine alla tipologia degli spazi, il gruppo di lavoro rileva:

  • Sarebbe importante valutare la condivisibilità e la comunione degli spazi tra edifici scolastici viciniori (che oggi ospitano scuole di grado differente), utilizzando i medesimi edifici con criteri di turnazione ( per esempio mattina per esempio primaria e secondaria, pomeriggio gli istituti superiori, previa sanificazione al cambio turno nell’ora del pranzo), mentre per le infanzie dovrebbero individuarsi spazi utili alternativi per la loro specifica attività nella fascia di età 3-6.
  • Sarebbe di fondamentale interesse appurare l’eventuale disponibilità dell’Università di Perugia, ivi compresa L’Università degli stranieri, a mettere a disposizione spazi utili e già fruibili e adibiti alla didattica, secondo criteri di turnazione nell’utilizzo con gli studenti universitari, previa sanificazione.
  • Sarebbe anche da provvedere ad una mappatura in base alle ubicazioni degli attuali istituti scolastici ed il relativo aumentato bisogno di spazio per acquisire, la disponibilità di spazi privati o comunque gestiti da soggetti terzi ( aule delle scuole di lingua straniera, delle scuole di musica, aule di catechismo presso le parrocchie) secondo criteri strutturali ed eventuali strumenti o risorse disponibili per la gestione e presa in carico degli stessi, nell’orario mattutino, da parte egli Enti locali competenti.

Tema, questo, di grande attualità alla luce dell’annunciata volontà del Governo di riprendere la didattica in presenza a settembre e del rischio che gli Enti locali non si trovino pronti per la gestione degli spazi così come richiesto nei protocolli che verranno varati.

Problemi organizzativi

Ma il gruppo di lavoro evidenzia criticità e suggerisce soluzioni anche rispetto a diversi problemi organizzativi. In particolare per gli scaglionamenti degli ingressi e delle uscite, le modalità di sanificazione di ambienti e attrezzature, la gestione della mensa.

La didattica

Quanto alla didattica, si chiede di “prevedere l’ eventuale attivazione, di supporto didattica domiciliare, alla luce della rimodulazione degli spazi e degli orari, per i bambini e ragazzi affetti da disabilità”.

Si parla poi della prospettiva per la didattica in spazi diffusi (come parchi, musei, teatri) in particolare per la didattica esperienziale (arte, musica, scienze, tecnologia, educazione fisica).

Rischio disomogeneità

Il gruppo mette anche in guardia dal rischio di difformità nella didattica garantita ai ragazzi. E per questo si chiede una “regia forte” in grado di garantire omogeneità e l’opportuna messa a disposizione delle risorse. Per evitare, insomma, che per risorse a disposizione o disponibilità del personale ci siano scuole di Serie A e scuole di serie B.

Lo sciopero di lunedì

Intanto per lunedì 8 giugno è stato proclamato lo sciopero di tutto il personale scolastico. A Perugia ci sarà anche un presidio organizzato dai sindacati in piazza Italia alle ore 11.

“La discussione sulla ripartenza della scuola è importante, ma in grave ritardo – spiegano i sindacati promotori, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda – e lo sciopero dell’8 giugno ha proprio l’obiettivo di sollecitare il Governo a fare le scelte necessarie non solo per la riapertura in presenza a settembre nella massima sicurezza, ma per rimettere la scuola al centro delle priorità del Paese. Servono risorse per assumere insegnanti, ATA e tutte le figure necessarie e investimenti in edilizia scolastica aggiuntivi a quelli già previsti”.

Personale dal 1° settembre

Secondo i sindacati, quest’anno più che mai si pone l’esigenza di assicurare un ordinato avvio dell’anno scolastico: ciò significa avere al 1° di settembre tutto il personale docente, ATA e dirigente pronto ad assumere servizio in modo certo e stabile. “La precarietà del lavoro ha raggiunto nel tempo dimensioni troppo estese, che le difficoltà del momento rendono del tutto insostenibili”, spiegano ancora i sindacati.Lo sciopero riguarderà, per l’intera giornata, personale docente, educativo, ATA e dirigenti scolastici.

In considerazione delle particolari condizioni in cui si svolge attualmente il servizio, il personale che intende aderire allo sciopero deve darne formale comunicazione, nel corso della giornata in cui si svolge lo sciopero, all’istituto in cui presta servizio.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!