Scuola, centro-sinistra chiede dimissioni assessore Waguè - Tuttoggi

Scuola, centro-sinistra chiede dimissioni assessore Waguè

Alessia Chiriatti

Scuola, centro-sinistra chiede dimissioni assessore Waguè

Dalle mense, alle precarie della scuola, alla vicenda dell'asilo La Magnolia | "Nessun fondo previsto in bilancio"
Mar, 26/04/2016 - 21:06

Condividi su:


La pessima figura dell’assessore Wagué all’assemblea pubblica di Collestrada ha rappresentato l’ennesima incapacità di risposta della Giunta Romizi sul tema dei servizi educativi e all’infanzia“. Il giudizio del centro-sinistra (Pd e Socialisti riformisti) del Comune di Perugia è duro, tanto da arrivare a chiedere le dimissioni dell’assessore con delega ai servizi educativi. L’affondo è ancora a ‘difesa’ delle necessità di genitori e famiglie di Perugia, i cui figli ricevono l’educazione nelle scuole e nei 15 asili comunali direttamente gestiti dall’amministrazione, alcune delle quali “autorizzate al funzionamento fino 31 agosto” e che necessitano di “forti interventi di manutenzione“.

Un fronte, quello delle proteste, che dai sindacati, al centro-sinistra, ai comitati dei genitori, abbraccia varie anime. “Per questo – hanno detto oggi in conferenza stampa i consiglieri del centro-sinistra – abbiamo avvertito l’obbligo politico e morale di esprimere una nostra definita posizione sulla materia chiedendo apertamente a chi governa oggi Perugia una determinata inversione di marcia, nei fatti. Purtroppo fino a oggi di parole ne sono state usate tante e sprecate troppe, ma di risultati concreti non se ne ha nemmeno il sentore”.

Così, la narrazione è ricca, e comincia con quanto accaduto l’anno scorso con la vicenda mense, poi esternalizzate e non affidate più ai comitati genitori. “Fare una cronistoria – dicono Pd e socialisti riformisti – per quanto utile a fini della cronaca, appare superfluo: tutta la nostra città è consapevole delle scelte politiche che hanno portato allo smantellamento sistematico di un sistema di servizi all’avanguardia dedicati all’infanzia. Partendo da un’inutile, se non faziosa e forzata, relazione della commissione revisione della spesa sono stati inanellati, uno dietro l’altro, una serie di insuccessi. Lo testimoniano le abbondanti critiche piovute da più parti dell’opinione pubblica. Purtroppo si è risposto spesso con superficialità e, quando questa veniva smascherata, si è passati all’arroganza o alla mistificazione”.

La vicenda abbraccia poi anche la difficile situazione delle precarie della scuola, che attendono il nuovo concorso e che nel frattempo hanno visto scadere i propri contratti. L’assessore Waguè è pronto a risolvere il problema, aprendo le porte alla nuova graduatoria. Ma la minoranza di Palazzo dei Priori non ci sta. “Le persone coinvolte direttamente nei servizi all’infanzia, tanto i genitori quanto gli operatori, hanno contestato con forza le scelte della giunta Romizi, senza collocazioni da una parte o dall’altra degli steccati della politica. Il benessere dei propri figli è posto al di sopra di un dibattito politico e ormai, dopo due anni di errori, pare fin troppo facile convenire che le scelte messe in campo sono state catastrofiche. L’assenza di dialogo con le parti interessate è stata accompagnata da decisioni prese quasi di nascosto e da una totale volontà di proseguire per la propria strada senza voler ascoltare le voci, i consigli, le necessità, i bisogni degli utenti e degli operatori. E se c’è stato un minimo di dialogo questo è parso solo di facciata, farsesco a detta delle persone che hanno partecipato agli incontri con dirigenti e amministratori”.

Richieste e responsabilità – Pertanto – è stato detto in conferenza stampa – oggi chiediamo che chi governa si assuma delle responsabilità precise verso i cittadini di Perugia, che i servizi in generale e quelli all’infanzia nello specifico non debbano e non possano pagare le scelte di chi oggi governa male e con paura, di chi si sottrae al dialogo, di chi promette ciò che non è mantenibile, di chi addossa le colpe a un passato sempre più lontano. Chi si è candidato a governare pensando di essere ad un talent show ora deve prendersi le responsabilità dei propri atti”.

Conti alla mano, e dopo l’approvazione in Commissione del bilancio del Comune di Perugia, per il centro-sinistra “oggi tutte le promesse di questi anni si sono rivelate false: non vi è alcuna risorsa per la ristrutturazione o la riqualificazione di una nuova struttura per l’asilo Magnolia di Collestrada, non sono presenti i fondi promessi per la stabilizzazione nel 2016 delle educatrici precarie, non sono stati ripristinati i finanziamenti per le attività didattiche e d’inclusione rivolte ai bambini di Perugia come promesso ai genitori dei comitati mensa. Per questo quadro disastroso che si è delineato e a causa del netto arretramento dei servizi educativi e all’infanzia della nostra città chiediamo le dimissioni dell’assessore esterno Dramane Waguè, non eletto in Consiglio Comunale ma scelta direttamente dal Sindaco. L’incapacità palese e manifesta della gestione amministrativa richiede segnali forti: Perugia e i perugini non si meritano l’inadeguatezza di questi governanti“.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!