Sciopero Cgil Terni, studenti al corteo: "Le aule saranno fredde, ma le piazze sono calde" - Tuttoggi

Sciopero Cgil Terni, studenti al corteo: “Le aule saranno fredde, ma le piazze sono calde”

Redazione

Sciopero Cgil Terni, studenti al corteo: “Le aule saranno fredde, ma le piazze sono calde”

Mer, 14/11/2012 - 21:55

Condividi su:


Luca Biribanti
Nell'ambito della manifestazione di Terni organizzata dalla Cgil, è salito sul palco anche un giovane rappresentante dei sindacati studenteschi, Alessandro Biscarini, che ha affrontato la piazza con la maturità di uno che 'la maturità' l'ha già fatta e soprattutto con la consapevolezza di sapere cosa dire. Un dato della manifestazione odierna infatti deve essere assolutamente evidenziato; erano anni che non si vedevano così tanti studenti ad una mobilitazione generale. Lo sciopero, che di solito è motivo per qualche vasca in più al corso, o fare baldoria con gli amici, è stato invece sentito anche da loro, gli studenti, che hanno dimostrato di avere le idee chiarissime sull'Italia che vorrebbero e sulla scuola che vorrebbero. Recentemente, in qualche provincia, si è ventilata l'ipotesi di staccare i riscaldamenti dalle aule per protestare contro il decreto spending review; per tutta risposta il giovane studente ha risposto: “le aule saranno anche fredde, ma le piazze sono calde”. Un bell'esempio di come impostare una 'lotta' anche alla luce di quanto accaduto a livello nazionale con gli scontri tra forze dell'ordine e manifestanti a Roma e Torino, dove le cariche sono state particolarmente violente.
Ascoltate le parole di questo giovane: “Come studenti abbiamo subito aderito allo sciopero europeo; l'Europa deve iniziare a pensare a quelli che saranno futuri cittadini europei; spread, austerity, crisi, tagli. Non è questa l'idea di Europa che ci dobbiamo fare. Europa significa crescita in materia di istruzione, legislazione sociale e cultura. Gli ultimi mesi per me, le lezioni sui paesi d'Europa, oltre a lezioni di geografia, sono state lezioni di civiltà. In Slovenia il tasso di abbandono scolastico è solo al 4%, nella scuola olandese ci sono corsi che permettono la sperimentazione dell'università, in Gran Bretagna i professori sono valutati dagli studenti, in Austria hanno aumentato i fondi destinati all'istruzione e la Finlandia finanzia con i fondi pubblici l'intero sistema scolastico. E l'Italia? Prendiamo l'Umbria: scuole allagate, alberi che cadono nei cortili, come è successo lunedì scorso a Perugia. Alla sicurezza edilizia si pensa sempre dopo una tragedia; noi come sindacato segnaliamo questi disagi già da tempo: perchè dobbiamo aspettare lo scandalo, perchè dobbiamo aspettare la tragedia? Non ci stiamo!”.

© Riproduzione riservata

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!