Salvaguardia del Patrimonio Culturale dai Rischi Naturali, parte un corso a Spoleto

Salvaguardia del Patrimonio Culturale dai Rischi Naturali, parte un corso a Spoleto

Corso di specializzazione dedicato ai volontari di Protezione Civile dell’Associazione azionale Carabinieri di Spoleto

share

Al via un Corso a Spoleto di specializzazione sulla Salvaguardia del Patrimonio Culturale dai Rischi Naturali per i volontari del Nucleo di Protezione Civile -Associazione Nazionale Carabinieri di Spoleto.

Il Nucleo dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Spoleto continua nella instancabile opera di professionalizzazione dei propri Volontari di protezione civile. Grazie al patrocinio concesso dal Servizio Organizzazione e Sviluppo del Sistema di Protezione Civile dell’Umbria, dall’Università degli Studi di Perugia, Polo Museale dell’ Umbria MIBACT, dal Comune di Spoleto, Norcia e Cascia, e grazie all’approvazione e copertura finanziaria della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, sempre sensibile alle iniziative sociali sul territorio regionale, un nuovo ambizioso progetto formativo ha preso forma e sostanza nell’importante campo della Salvaguardia del Patrimonio Culturale Italiano dai rischi naturali.

Il progetto comprende formazione, esercitazioni, lezioni nelle scuole e acquisto di un mezzo furgonato. Il Corso inizierà il 27 ottobre e svilupperà in 12 giornate formative teoriche di due ore ciascuna tenute da docenti/formatori con esperienza pluriennale nel settore della tutela delle opere d’arte acquisita durante la militanza nell’ambito di Enti e/o Soggetti istituzionalmente preposti quali il Ministero dei Beni Artistici e Culturali e del Turismo, la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggi dell’Umbria, il Dipartimento Nazionale e Regionale della protezione civile, il Nucleo Provinciale Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri e il Corpo dei VVFF del Comando Provinciale di Perugia.

Il Corso si chiuderà a novembre con due esercitazioni pratiche e due lezioni nelle scuole: la prima esercitazione si terrà presso il Centro Regionale Raccolta Opere d’Arte di Santo Chiodo di Spoleto e consisterà in operazioni simulatorie di tutela e messa in sicurezza provvisionale di reperti mobili; la seconda si terrà nel Comune di Norcia e sarà dedicata alla conoscenza delle tecniche di restauro.

Le lezioni in programma nelle scuole saranno invece finalizzate a sensibilizzare i giovani sul tema della Salvaguardia del patrimonio culturale del proprio territorio e si terranno presso classi di istituti di Cascia e Norcia.
Infine, il progetto prevede anche l’acquisto di un autoveicolo furgonato allestito per il trasporto delle opere di piccolo e medio ingombro una recuperate dai Vigli del Fuoco .

L’idea del Corso di formazione è scaturita nel Nucleo durante le 960 giornate h24 del recente impiego in attività di protezione civile nei Comuni di Preci, Norcia e Spoleto (Eggi), allorquando si è evidenziata la assenza in Umbria di personale volontario formato e strutturato nel particolare settore dei Beni Culturali.

Foto repertorio TO

share

Commenti

Stampa