Rugby, 6 Nazioni | Draghi in campo con gli azzurri contro la Scozia per cantare inno Mameli - Tuttoggi

Rugby, 6 Nazioni | Draghi in campo con gli azzurri contro la Scozia per cantare inno Mameli

Redazione

Rugby, 6 Nazioni | Draghi in campo con gli azzurri contro la Scozia per cantare inno Mameli

Rossoverdi protagonisti anche nel torneo Festival Regioni under 18
Mer, 14/03/2018 - 18:56

Condividi su:


Cinque giovani Draghi sul prato verde dello Stadio Olimpico sabato 17 marzo per Italia-Scozia. Verrà dato alle 13.30 il calcio d’inizio della quinta e ultima partita del Sei Nazioni 2018 degli Azzurri. E sarà un sabato speciale per Irene dell’Under 8, Iacopo dell’Under 10, Andrea, Tommaso e Francesco dell’Under 16, che accompagneranno Parisse e compagni all’ingresso in campo fino al momento solenne dell’Inno di Mameli. Così come i ragazzi della giovane nazionale del coach irlandese O’Shea vestiranno la tradizionale maglia Azzurra, i giovani Draghi indosseranno il rossoverde della maglia ufficiale del Terni Rugby.

Un’esperienza indimenticabile per i cinque giovani Draghi, possibile grazie all’iniziativa “Raccontaci una storia” a cui il club ternano aveva aderito coinvolgendo i genitori dei ragazzi in veste di romanzieri e scrittori. Grazie ai racconti sulle attività del club in ambito sociale e sul rugby in generale (un tema ricorrente è il sempre sontuoso terzo tempo), il Terni Rugby è stato invitato a partecipare alla partita degli Azzurri contro la Scozia. Irene, Iacopo, Andrea, Tommaso e Francesco scenderanno quindi sul prato verde dello Stadio Olimpico al fianco degli Azzurri, indossando la maglia del Terni Rugby per cantare l’Inno di Mameli insieme alla squadra.

E poi naturalmente si gusteranno la partita in Tribuna Tevere, con la speranza di vedere cogliere una vittoria per evitare così il temuto Cucchiaio di Legno. Al termine del match, tutti i 40 club che hanno partecipato all’iniziativa “Raccontaci una storia” saranno invitati nello stand della Federazione Italiana Rugby denominato “IV TEMPO RUGBY E CULTURA” all’interno del Peroni Village al Foro Italico. Qui saranno raccolte le storie dei club e le testimonianze di solidarietà e di impegno sociale da parte di tutte le 40 squadre del territorio nazionale che hanno aderito all’iniziativa.

I colori rossoverdi protagonisti con la Selezione Umbra al Festival delle Regioni – L’Under 18 di Fastellini batte Campania e Sicilia, in meta due ragazzi del Terni Rugby – Due partite e due vittorie per la Selezione Umbra Under 18 al Festival delle Regioni che si è svolto a L’Aquila. Primo storico successo contro le selezioni di Campania e Sicilia, che consentono così ai ragazzi di coach Fabrizio Fastellini di proseguire la striscia positiva cominciata il 3 febbraio contro le Marche.

Due mete (dei ternani Marinangeli e Armeni) e due trasformazioni (del perugino Benda) hanno consentito agli Umbri di piegare 14-0 la Campania. Mentre il match contro la Sicilia è finito 5-0 ed è stato deciso dalla meta del perugino Caruso. Grande prova in particolare degli avanti umbri che hanno giocato due match di grande qualità sia in attacco che in difesa, mentre la linea dei trequarti è stata ottima in fase difensiva ma con qualcosa ancora da migliorare sotto l’aspetto offensivo.

I ragazzi del Terni Rugby che hanno preso parte alla competizione sono Lorenzo Armeni, Andrea Caparvi, Riccardo Marinangeli, Filippo Niculae. Come detto a decidere la partita contro i campani proprio due ragazzi del Terni Rugby, Armeni e Marinangeli. Ecco il commento del pilone rossoverde Riccardo Marinangeli sul torneo: “È stata sicuramente una bella esperienza, ci siamo confrontati con due buone squadre e nel complesso le partite sono andate bene. Oltre ad averle vinte entrambi, siamo riusciti a creare una buona difesa e anche nei punti d’incontro abbiamo fatto un buon lavoro. Bene anche in mischia chiusa e rimesse laterali. L’unica pecca è stata in fase di possesso: spesso eravamo piatti e non riuscivamo quindi a sfruttare le superiorità numeriche. Personalmente non ho avuto problemi a giocare con ragazzi di altre società perché con la stragrande maggioranza gioco insieme dall’Under 14 e in partite come quella di domenica fa piacere rincontrarsi”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!