Rifondazione Comunista, Maura Coltorti confermata segretaria di Spoleto

Rifondazione Comunista, Maura Coltorti confermata segretaria di Spoleto

La nomina è arrivata al termine del congresso di circolo sulle votazioni dei documenti nazionali e per l’elezione dei delegati al congresso federale di Perugia e degli organismi dirigenti locali

share

Maura Coltorti confermata segretaria del circolo di Spoleto di Rifondazione Comunista. La nomina è arrivata al termine del congresso di circolo sulle votazioni dei documenti nazionali e per l’elezione dei delegati al congresso federale di Perugia e degli organismi dirigenti locali. Il Documento n.1 “SOCIALISMO XXI, PER UN NUOVO UMANESIMO” ha ottenuto l’unanimità dei consensi con un voto di astensione. Il nuovo Comitato Direttivo ha quindi confermato come segretaria del circolo Maura Coltorti.

“Voglio innanzitutto ringraziare – ha detto la Coltorti – le compagne e i compagni del circolo. Li voglio ringraziare per come abbiamo lavorato insieme e per come abbiamo radicato il partito sul territorio. Non solo. Nel nostro comune sappiamo bene e da tempo quanto sia decisiva una proposta politica autonoma ed alternativa. Penso all’esperienza de La Sinistra per Spoleto, un progetto che occorre rilanciare e rafforzare. Infine, lasciatemi gioire per il fatto che il congresso nazionale di Rifondazione comunista si svolgerà proprio a Spoleto, una città martoriata dalla crisi e colpita anche dal terremoto. Ecco, io penso che il nostro Congresso potrà contribuire anche a dimostrare che la città ed i territori colpiti dal terremoto non devono essere abbandonati. Sappiamo che ci aspetta un grande lavoro, ma con i compagni del Circolo “E. Martinelli” di Spoleto, con l’aiuto di tutti i compagni della nostra regione faremo si che il nostro Congresso oltre ad essere un momento di discussione politica e di scelte importanti, di rilancio del nostro Partito e delle nostre proposte ed idee, sia anche un momento di solidarietà vera, attiva, che si manifesta anche attraverso la presenza in questi nostri luoghi”.

share

Commenti

Stampa