Ricostruzione, serve il triplo dei fondi. Legnini: "Prorogare Superbonus"

Ricostruzione, serve il triplo dei fondi. Legnini: “Prorogare Superbonus”

Redazione

Ricostruzione, serve il triplo dei fondi. Legnini: “Prorogare Superbonus”

Mar, 26/10/2021 - 17:56

Condividi su:


Intervento di Legnini all'iniziativa di Anci a Camerino: per la ricostruzione privata mancano almeno 18 miliardi di euro. Gli elementi di rischio evidenziati

Serve il triplo dei fondi rispetto a quelli stanziati per finanziare la ricostruzione del centro Italia colpito dal terremoto del 2016.

Il commissario straordinario Giovanni Legnini lo ha detto già un mese fa e lo ha ribadito in occasione delle celebrazioni che si sono tenute a Camerino per il quinto anniversario dal sisma, promosse dall’Anci. Lanciando anche un appello affinché sia rifinanziato il Superbonus al 110%.

Terremoto centro Italia 5 anni dopo, Tesei: “Colmare gap infrastrutturale” | Video

Nell’ultimo anno sono stati fatti grandi progressi, – ha ricordato Legnini – abbiamo davanti l’opportunità di accompagnare la ricostruzione con i fondi per lo sviluppo, ma occorre anche sottolineare che ci sono elementi di rischio, dovuti in questa fase all’aumento dei prezzi dei materiali edili ed al numero esiguo di imprese attive sul territorio, anche per la concorrenza del Superbonus 110% sul resto del territorio nazionale.  La gran parte del lavoro è ancora davanti a noi”.

Terremoto centro Italia 5 anni dopo, 25 nuovi cantieri al giorno. “Ma mancano imprese e tecnici”

Dobbiamo avviare – ha detto ancora il commissario straordinario – la ricostruzione di quasi 50 mila edifici nel cratere del sisma 2016, per una spesa stimata complessiva di oltre 18 miliardi di euro, ed abbiamo almeno due grandi problemi. Il primo è il rifinanziamento della ricostruzione privata, visto che a fronte di quei 18 miliardi ce ne sono 6 stanziati nel bilancio pubblico, che in realtà diventano 4 al netto di interessi e attualizzazioni, ormai quasi del tutto impegnati. E poi occorre una proroga del Superbonus al 110%, e per qualche anno, per i territori del Paese che sono stati colpiti dalle catastrofi naturali ed hanno l’esigenza primaria di ricostruire in modo sicuro e sostenibile”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!