Riapertura delle scuole, primi sopralluoghi del Comune - Tuttoggi

Riapertura delle scuole, primi sopralluoghi del Comune

Redazione

Riapertura delle scuole, primi sopralluoghi del Comune

Nel giro di due settimane piano dettagliato su dislocazione di aule e classi, per effettuare i lavori in vista della riapertura delle scuole
Sab, 20/06/2020 - 11:53

Condividi su:


Riapertura delle scuole, primi sopralluoghi del Comune

Primi passi per la riapertura delle scuole di Deruta. Il Comune ha effettuato i sopralluoghi preliminari presso le strutture scolastiche di tutto il territorio.

“Siamo qui – evidenzia il vicesindaco Giacomo Marinacciper verificare la situazione degli edifici delle scuole materne, elementari e medie e per censire e valutare gli spazi, in modo da garantire la sicurezza delle strutture e il distanziamento sociale necessario”.

Tra i presenti, oltre al vicesindaco, la dirigente dell’Istituto Omnicomprensivo “Mameli-Magnini” Isabella Manni ed i tecnici dell’ufficio lavori pubblici.

Obiettivo: basta didattica a distanza

L’obiettivo comune, per cui è stata garantita la disponibilità del Comune e dell’istituto, è non avere nessun allievo a casa in didattica a distanza, allargando gli spazi a disposizione per l’insegnamento.

Il nostro scopo – spiega ancora il Vicesindaco – è far ripartire a settembre la scuola su tutti i plessi del nostro territorio comunale, garantendo a tutti gli alunni e le alunne la frequenza scolastica “in presenza”. Tutto questo sarà possibile con alcuni adattamenti delle scuole che potranno fornire spazi per poter sostenere la didattica frontale di tutti gli allievi”.

Entro 2 settimane piano sulle scuole

Decisamente positivo – commenta – l’esito del sopralluogo, e nel giro di due settimane avremo un piano dettagliato su dislocazione di aule e classi, procedure di accesso “sicuro” alla scuola al mattino e tutto quanto occorre per una ripartenza organizzata. Per il successo di questa operazione andranno effettuati alcuni lavori, per cui l’amministrazione comunale farà tutto il necessario per una scuola capace di dare il massimo alle generazioni che del Paese sono il futuro”.


Condividi su: