Recovery Plan, Stirati "Ecco i progetti di Gubbio per il rilancio post pandemia" - Tuttoggi

Recovery Plan, Stirati “Ecco i progetti di Gubbio per il rilancio post pandemia”

Redazione

Recovery Plan, Stirati “Ecco i progetti di Gubbio per il rilancio post pandemia”

Gio, 11/03/2021 - 16:24

Condividi su:


Recovery Plan, Stirati “Ecco i progetti di Gubbio per il rilancio post pandemia”

Sindaco e giunta illustrano le richieste presentate alla Regione alla luce della partenza del piano, "Non una mera lista della spesa ma indicazioni di ampio respiro dalle infrastrutture alla cultura"

La Regione Umbria ci ha chiesto in tempi brevissimi appunti e schede che riassumessero obiettivi e strategie guardando al Recovery Plan, il piano che individua le azioni da porre in essere per il rilancio dell’Italia dopo la pandemia. Parliamo di obiettivi strategici, non una mera lista della spesa ma indicazioni di ampio respiro a beneficio di aree vaste”.

Recovery Plan, “Progetti di alta caratura per Gubbio”

Così stamattina (giovedì 11 marzo), in apertura di conferenza stampa, il sindaco di Gubbio Filippo Stirati ha introdotto la presentazione dei temi che egli stesso ha proposto alla presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e all’assessore Paola Agabiti. “Non abbiamo certo ragionato per Comuni e campanili: parliamo di fondi per milioni di euro – ha spiegato il sindaco – parliamo di progetti di altissima caratura, piani che promuovono l’Area Interna e implementano le relazioni territoriali con la Regione Marche, le cui aree sono collegate da sempre a noi, e sempre più vicine grazie a progetti e eventi che ci legheranno indissolubilmente”.

Infrastrutture

Alla Regione sindaco e giunta, anzitutto, hanno chiesto come e dove collocare una serie di operazioni già da tempo scritte nell’agenda amministrativa, “a partire dal recupero dell’ex ospedale fino a tutto ciò che concerne i grandi progetti infrastrutturali.

“Due sono le direttrici sulle quali vogliamo porre attenzione: la Perugia-Ancona, che ha aperto al nostro territorio uno sbocco importantissimo. Guardare a quella direttrice significa per noi guardare a quella realtà marchigiana che, a sua volta, tanto volentieri si rivolge anche a noi. E poi c’è la Contessa: l’ammodernamento della viabilità di questa tratta ormai per fortuna sta a cuore anche alle città della costa, e su questo vogliamo ragionare sulla base anche dei rapporti maturati grazie alle azioni del distretto appenninico umbro-marchigiano”.

Trasporto pubblico

Tra le indicazioni inviate dal Comune di Gubbio a Tesei c’è anche il tema trasporto pubblico e la possibilità di collegamento agli snodi principali (alta velocità, porto, aeroporti), insieme all’implementazione dell’utilizzo di mezzi elettrici anche all’interno dei centri storici.

Quanto al tema ferrovia – ha detto Stirati – io sentivo parlare del raddoppio della tratta Orte-Falconara quando ancora ero un bambino. In merito alla variante ferroviaria di cui si parla negli ultimi anni (Assisi – aeroporto di Perugia – Gubbio) e alla verifica di fattibilità annunciata dall’assessore Melasecche, aspettiamo una chiara indicazione rispetto alla volontà di Regione e Governo.”.

La Gubbio “francescana”

Il primo cittadino, insieme ad alcuni rappresentanti della giunta, in tema di mobilità sostenibile ha parlato anche di scale mobili, ascensori, piste ciclabili e percorsi trekking, “con una attenzione cruciale sul sentiero francescano, che ha una valenza simbolica di attrattività e una bellezza di paesaggi e natura senza pari: mi auguro in questo senso una politica strategica che individui, oltre ai quasi 5 milioni che l’assessore Agabiti ha confermato nella loro destinazione per la manutenzione e la cura del sentiero, anche altri investimenti sul sentiero stesso”.

Noi ci candidiamo – ha spiegato il sindaco – a essere una città che dice la sua, anche attraverso luoghi di accoglienza e riferimento: penso per esempio all’ex mattatoio, che può diventare luogo di accoglienza e centro multimediale che racconti Francesco e in particolare l’episodio con il lupo. Credo molto nella Gubbio francescana e dobbiamo pretendere un riconoscimento più forte in questo senso”.

Palazzo delle Orfanelle

E a proposito dei luoghi da recuperare, il sindaco ha citato anche il Palazzo delle Orfanelle, “per il quale era stato fatto dal Demanio un progetto per ricavarne un grande albergo: si tratta di operazioni che certo implicano il coinvolgimento di privati, ma che vanno coordinate nell’ottica di un rilancio del turismo e della ricettività”.

Ambiente

Tra i temi trattati anche quello dell’ambiente, “con il parco del Monte Cucco e la sua sentieristica, ma anche con tutto il settore dei prodotti agricoli di qualità, dell’enogastronomia, del riconoscimento di un marchio che garantisca tipicità ed eccellenza”.

Parlare di ambiente vuol dire però prima di tutto, come sottolineato da Stirati, “recuperare pienamente la titolarità di Comune e cittadini in tema di salute pubblica. Indagini, monitoraggi, studi specialistici: ci auguriamo che nel Recovery possano trovare spazio anche il riconoscimento e le risorse per sostenere queste politiche che noi abbiamo sintetizzato nello strumento dell’ecodistretto”.

Centro storico

Vogliamo poi lavorare su centro storico e abitabilità – ha detto Stirati – conservando residenza, commercio, artigianato e servizi in un equilibrio che non deve alterarsi. Abbiamo in programma importanti operazioni di valorizzazione dell’acropoli, dal Museo degli Antichi Umbri agli arconi, che ci auguriamo possano trovare un adeguato spazio”.

La Gola e i siti archeologici

Gli ultimi due temi, non certo in ordine di importanza, citati dal sindaco, sono stati la Gola del Bottaccione, “per la quale abbiamo l’importante progetto di un parco legato al tema dinosauri a San Benedetto”, e i siti archeologici: “Spero davvero – ha spiegato Stirati – che l’atto assunto dalla Regione con approvazione di un Odg abbia un seguito, noi siamo pronti a metterci al tavolo per individuare azioni, strategie, risorse”.

Innovazione digitale

Sullo sfondo di tutto c’è il grande tema dell’innovazione digitale, rilanciato dalla pandemia e necessario, ha chiarito il sindaco, anche alla riduzione dei troppi svantaggi tecnologici che ancora oggi colpiscono la cittadinanza. “Si tratta di temi alti, progetti più che ambiziosi e grandi scelte strategiche – ha chiuso Stirati – che ci auguriamo tengano nella giusta considerazione sia la Regione Umbria sia la nostra realtà”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!