Pubblico impiego in piazza, si fermano poste, sanità e scuola - Tuttoggi

Pubblico impiego in piazza, si fermano poste, sanità e scuola

Redazione

Pubblico impiego in piazza, si fermano poste, sanità e scuola

Lun, 19/12/2011 - 12:03

Condividi su:


Dipendenti delle poste, della sanità, della scuola e degli altri uffici pubblici, hanno preso parte oggi allo sciopero unitario nazionale del pubblico impiago, indetto in Umbria da Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa per l'intera giornata lavorativa.

“Per cambiare la manovra, per renderla equa” è lo slogan sotto il quale sono scesi oggi in Piazza Italia, di fronte agli uffici della Prefettura, i lavoratori del settore pubblico, che protestano contro una manovra che colpisce “le tasche dei soliti noti in modo del tutto iniquo”.

“Al centro della mobilitazione unitaria, -spiegano i sindacati- la richiesta di modificare il testo della manovra durante l’iter parlamentare al fine di ottenere: una riforma della previdenza che non sia scaricata sulle spalle di lavoratori e pensionati”. I rappresentanti del pubblico impiego chiedono al governo “misure che colpiscano per la prima volta evasione e grandi patrimoni; una riforma fiscale che alleggerisca la tassazione sui redditi da lavoro dipendente e da pensione; una riqualificazione della spesa pubblica che consenta di trovare le risorse per la crescita; il rinnovo dei contratti; l’eliminazione degli ulteriori tagli alle autonomie locali per difendere il welfare locale e la sanità; una ristrutturazione delle istituzioni centrali e locali che eviti affrettate operazioni mediatiche e ragionieristiche, come nel caso delle province o degli enti previdenziali (vedi super-Inps), finalizzata a garantire la tenuta occupazionale e a migliorare i servizi”.

Poste in mobilitazione – Tra i più agguerriti nella protesta i dipendenti delle poste, che stanno osservando tutto il mese di dicembre uno sciopero delle “prestazioni straordinarie e aggiuntive”, per una vertenza nazionale di categoria che riguarda ancora una volta -secondo gli esponenti Sp Cisl- “equità e moralità, perche rivendichiamo salario di produttività, miglioramenti dei servizi postali di recapito e sportelleria”.

“Non permetteremo che si possano chiedere sacrifici ai lavoratori all’infinito, senza dare in cambio la giusta contropartita”, ha detto il segretario regionale Slp Cisl Adelmo Narcisi. (fda)

Foto: Stefano Dottori

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!