PROSTITUTE RAPINATE DA BANDA SERIALE, ARRESTATI 3 GIOVANI DALLA POLIZIA (Foto) - Tuttoggi

PROSTITUTE RAPINATE DA BANDA SERIALE, ARRESTATI 3 GIOVANI DALLA POLIZIA (Foto)

Redazione

PROSTITUTE RAPINATE DA BANDA SERIALE, ARRESTATI 3 GIOVANI DALLA POLIZIA (Foto)

Gio, 26/05/2011 - 12:30

Condividi su:


Lu. Bi.
Sono tutti giovanissmi, di un'età compresa tra i 19 e i 22 anni, ma operavano come una vera e propria banda seriale, mettendo a segno rapine ai danni di prostitute: A.F., 22 anni originario del Brasile, M.G., 19 anni originario di Frascati e F.M, 21 anni nato a Napoli. Particolarmente intensa l'attività dei 3 giovani sul finire del 2010, tra novembre e dicembre. Proprio il giorno della Vigilia di Natale avevano preso di mira una prostituta che era solita fermarsi con il camper in una piazzola lungo la strada che collega Piediluco e Rieti; i 3 hanno fatto irruzione nella roulotte della donna e l'hanno rapinata dell'incasso della giornata. Ma l'episodio che ha permesso agli agenti dell'Anticrimine, coordinata dall'ispettore Ribiscini, di risalire all'identità dei rapinatori ha avuto luogo nel novembre del 2010. I malviventi avevano preso di mira una prostituta di origine rumena, che 'lavorava' nel parcheggio di un supermarket di Via Bramante e avevano agito come usavano fare nei colpi che avevano già messo a segno. Di solito era F.M. ad agganciare la vittima in auto, presentandosi da solo come un potenziale cliente, mentre gli altri 2 complici erano nascosti nel portabagagli della vettura. Una volta arrivati sul luogo appartato dove si sarebbe consumato l'atto sessuale, i 2 sbucavano improvvisamente dal retro dell'auto e minacciavano le prostitute con un taglierino puntato alla gola. Alle vittime non rimaneva dunque che consegnare quanto avevano guadagnato nel corso della serata e non a caso la banda agiva in orari tardivi, quando le prostitute potevano avere somme di denaro più cospicue. Ma nella rapina di novembre qualcosa è andato storto e la prostituta è riuscita a fuggire dalla macchina dei rapinatori, approfittando di un momento di distrazione dei 3 che stavano discutendo sull'eventualità di rubare anche il cellulare della vittima. Una volta fuggita la prostituta è riuscita a prendere il numero di targa e, trovando il coraggio di uscire allo scoperto, si è poi recata in Questura per sporgere denuncia. La collaborazione della donna è stata fondamentale, come ha sottolineato il comandante della Squadra Mobile, Tommaso Niglio: “In questo ambiente è difficile trovare collaborazione perchè le prostitute, spesso extracomunitarie e presenti illegalmente sul territorio nazionale, hanno paura di avere a che fare con la Polizia. Ma una volta tanto si è riusciti a instaurare un rapporto più umano che va al di là dei ruoli istituzionali, circostanza che ci ha permesso di risalire e arrestare la banda di criminali”. Le indagini degli agenti proseguono per verificare se altri casi possano essere associati all'attività criminale dei componenti della banda, per i quali si sono aperte le porte del carcere di Rieti, come disposto dal gip Panariello.

© Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!