Polemiche su bandi dirigenti sanitari e Pediatria, la replica della Asl

Polemiche su bandi dirigenti sanitari e Pediatria, la replica della Asl

Redazione

Polemiche su bandi dirigenti sanitari e Pediatria, la replica della Asl

Mer, 23/08/2023 - 19:11

Condividi su:


La replica dopo l'allarme per la dismissione di Pediatria nella città del Festival: dirigente di una Struttura complessa differenziata nei due poli

Nuovi dirigenti per le Strutture complesse che afferiscono agli ospedali di Foligno e Spoleto. E per Pediatria, che sarà “differenziata per ruoli e funzioni”. Ma senza che questo comporti la chiusura del reparto del San Matteo degli Infermi.

Così la Direzione Strategica della Usl Umbria 2 interviene sulle polemiche innescate dai nuovi bandi per l’individuazione dei dirigenti della sanità. Ricordando che nel vecchio Piano Sanitario Regionale e negli atti di programmazione delle precedenti Giunte regionali è stata prevista la direzione unica di Pediatria nelle due sedi di Foligno e Spoleto, tanto che la precedente direzione aziendale aveva nominato, nel 2019, il dottor Maurizio Stefanelli quale primario della “Struttura complessa unica degli ospedali di Foligno e Spoleto”.

“La programmazione regionale ed aziendale – scrive la Asl2 – indicava quindi un unico responsabile di struttura complessa per entrambi i nosocomi e l’avviso bandito oggi dalla Usl Umbria 2 non fa altro che prevedere la sostituzione del professionista in quiescenza (dott. Stefanelli) e garantire stabilità e prospettive ad una struttura ospedaliera guidata attualmente da un direttore ‘facente funzioni’ (la dott.ssa Beatrice Messini). Va da sé che trattandosi di un’unica struttura complessa presente in due poli ospedalieri – viene chiarito – la stessa dovrebbe essere, come avviene in tutta Italia, differenziata per ruolo e funzioni”.

Che d’altronde è la mission del gruppo di lavoro tecnico per la definizione e realizzazione del progetto “Terzo Polo ospedaliero dell’Umbria”, che ovviamente interessa anche altre Unità Operative quali ad esempio la Chirurgia, l’Ortopedia, la Cardiologia.

Il futuro dell’ospedale di Spoleto

È la Usl2, e non, curiosamente, la Giunta regionale, a replicare sul piano politico all’allarme lanciato in particolare dal consigliere pentastellato De Luca. Evidenziando gli investimenti per la sanità spoletina e i progetti regionali e aziendali avviati o già portati a compimento. Citando la realizzazione di nuove strutture intermedie di assistenza e cura quali la:

  • Casa della Comunità,
  • l’Ospedale di Comunità,
  • la COT, Centrale Operativa Territoriale;

l’acquisizione di tecnologie e impianti di ultima generazione quali

  • l’acceleratore lineare multienergia, completo di Tac simulatore per Radioterapia e
  • l’installazione di un impianto ultramoderno per i trattamenti di dialisi;

l’impegno straordinario, facilmente riscontrabile negli atti ufficiali, per l’adeguamento e il rafforzamento della dotazione organica, in particolare nell’ambito della dirigenza medica e chirurgica. “Esclusivamente per Spoleto – viene evidenziato – la Usl Umbria 2 ha previsto l’ingresso di 5 dirigenti Cardiologi e di un dirigente medico di Medicina Fisica e Riabilitativa, ha attivato mobilità per specialisti di Malattie Infettive e Medicina Interna e ha bandito in queste settimane concorsi aziendali, che interesseranno ovviamente anche la sede di Spoleto, per 4 nefrologi, 7 dirigenti di Radiodiagnostica e 15 dirigenti di Medicina di Emergenza Urgenza”.

A ciò si affiancano il potenziamento delle attività di chirurgia robotica e la prossima attivazione della Chirurgia testa-collo, “che farà del San Matteo degli Infermi il polo regionale di riferimento in questo ambito”.

I dati del San Matteo degli Infermi

La Asl2 parla di “attività ospedaliere sono in grande ripresa”. E cita i dati rispetto all’anno precedente: un incremento del 45% della degenza ordinaria e del 27% della degenza in day hospital /day surgery; si è passati complessivamente da 2663 a 3727 ricoveri con un’ulteriore costante e progressiva crescita nel primo semestre del 2023.

“Si tratta di risultati, progetti concreti e iniziative di grande impatto e importanza – concludono dall’Azienda – che confermano l’impegno della Direzione Strategica dell’Azienda Usl Umbria 2, in linea con le indicazioni della Regione Umbria, per fornire risposte ai vecchi e nuovi bisogni della popolazione di Spoleto e della Valnerina”.

Articoli correlati


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_spoleto

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!