PINOCCHIO IN SCENA CON UNO SPETTACOLO GROTTESCO E SURREALE - Tuttoggi

PINOCCHIO IN SCENA CON UNO SPETTACOLO GROTTESCO E SURREALE

Redazione

PINOCCHIO IN SCENA CON UNO SPETTACOLO GROTTESCO E SURREALE

Mer, 24/10/2007 - 17:15

Condividi su:


Dal 30 ottobre al 1 novembre la stagione di Prosa del Teatro Morlacchi prosegue con l'ultima visionaria e onirica produzione del Teatro Del Carretto che torna in scena affrontando Pinocchio, uno dei personaggi tra i più popolari, ma anche più ardui da portare sul palcoscenico.La nota compagnia toscana che ha aderito al mondo dell'immaginario e del mito, creando un teatro visionario in cui si fondono tutti gli elementi del sogno scenico, con un linguaggio teatrale il cui valore artistico è riconosciuto da tempo nel panorama internazionale, continua a incantare coniugando l'arte delle marionette e l'azione di attori veri, parola e musica, sogno e realtà.Diretto dalla geniale mano di Maria Grazia Cipriani apprezzeremo una straordinaria e affiatata compagnia formata da Elsa Bossi, Giandomenico Cupaiuolo, Giacomo Pecchia, Giacomo Vezzani, Nicolo' Belliti, Jonathan Bertolai, Carlo Gambaro, Luana Gramegna.Surreale, grottesco, ironico e dai toni noir, Pinocchio è uno spettacolo raffinato e poetico che supera le barriere del gioco fiabesco per approdare a una tanto affascinante quanto inquietante indagine del mondo dell'inconscio che da sempre ispira il lavoro del Carretto: di Pinocchio, in questo caso, si sottolinea la natura ambiguamente teatrale, di «maschera» – prima ancora che di marionetta – in azione sullo sfondo di scenari enigmaticamente artificiosi e ingannevoli, dalla stessa casa di Geppetto alla ribalta di Mangiafoco al circo dei ciuchini nel Paese dei Balocchi.”Il destino di Pinocchio appare, letteralmente, teatrale. – dice Maria Grazia Cipriani – Da quel programma accarezzato dal genitore fino a quando Pinocchio, quasi a realizzarne il desiderio, toccherà il fondo della sua sventura, quando cioè, trasformato in somaro, sarà Stella della danza nel circo del paese dei Balocchi e rischierà di diventare una pelle di tamburo per la banda: passando da quel suo ingresso trionfale nel Gran Teatro di Mangiafuoco, quando, riconosciuto come fratello dalle Maschere immortali di quel Teatro, sembra raggiungere il luogo che spiega e motiva la sua nascita. La prima traccia del gioco teatrale si era incontrata su quella parete dipinta a guisa di fondale scenico della casa ove Pinocchio è venuto alla luce…Da quella casa che pare un palcoscenico alla deriva…passando attraverso il Carrozzone di Mangiafuoco – Pinocchio con l'abbecedario in mano…suoni festosi di grancassa…il giubilo del Gran Teatro, attori che sembrano marionette e marionette che sembrano attori…e poi piagnistei come in un asilo infantile…e la scena “straziante”, satira parodia della commedia popolare e del melodramma, in cui Pinocchio chiede a Mangiafuoco la grazia per Arlecchino…-…o presso la casina della bambina morta: ma anche quello della Fata sembra essere un mondo teatrale da Baraccone con quei dottori grotteschi e surreali, con quel suo apparire e scomparire sotto forme sempre diverse, resistendo sempre, di morte in vita, quella emblematica “massa” di capelli turchini……a quella ribalta che è il circo dove Pinocchio-somaro è costretto ad esibirsi……per approdare in un finale con il palcoscenico ormai vuoto quando Pinocchio esce dal sogno di legno, come da un costume di scena.E chissà se allora, burla e insieme segno di speranza, un nuovo piccolo burattino balzi fuori da un cassetto con occhi dipinti di sorriso e di follia….”La prevendita dei biglietti viene effettuata, dalle 10 alle 13, presso l'Agenzia n°2 della Banca dell'Umbria, in Via Mario Angeloni a Perugia, e tutti i giorni feriali, dalle 17 alle 20, al botteghino del teatro. Si può prenotare telefonicamente, chiamando il 075/500.59.54 dalle 10 alle 13 e il n°075/57.54.22.22 tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 19. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz'ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.E' possibile anche acquistare i biglietti on-line sul sito del Teatro Stabile dell'Umbria www.teatrostabile.umbria.it.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!