Pian d'Assino, "Tratto Gubbio-Branca colabrodo" | Stirati dà ultimatum ad Anas - Tuttoggi

Pian d’Assino, “Tratto Gubbio-Branca colabrodo” | Stirati dà ultimatum ad Anas

Redazione

Pian d’Assino, “Tratto Gubbio-Branca colabrodo” | Stirati dà ultimatum ad Anas

Il sindaco di Gubbio non esclude clamorose forme di protesta "C'è bisogno di un intervento 'tampone' immediato, tempo promesse ora è finito"
Mer, 19/06/2019 - 14:42

Condividi su:


Pian d’Assino, “Tratto Gubbio-Branca colabrodo” | Stirati dà ultimatum ad Anas

Questa mattina il sindaco Filippo Mario Stirati, in una conferenza stampa convocata ad hoc, è tornato con forza sulle problematiche della Ss 219 Pian d’Assino, annunciando forme di protesta anche clamorose se Anas, responsabile della strada, non si attiverà con interventi urgenti per mettere in sicurezza il tratto a est di Gubbio, interessato da un pesante deterioramento.

Il disagio è evidente e crescente – ha dichiarato il primo cittadino – per chi si trova a percorrere quel tratto da Gubbio a Branca e viceversa, un vero e proprio colabrodo pieno di pericolose buche e avvallamenti. Le proteste fioccano e siamo sempre più preoccupati per possibili conseguenze per l’incolumità pubblica“.

La responsabilità è in capo all’Anas, – ha proseguito Stirati – noi come amministrazione facciamo la nostra parte con sollecitazioni ripetute e risolute. Dalle comunicazioni ricevute anche dal capo coordinatore territoriale ‘Anas Umbria’ Gioacchino Del Monaco, sappiamo che l’azienda ha ben presente l’emergenza e ha stanziato 2.500.000 euro per la manutenzione straordinaria di questa arteria che dovrà essere realizzata entro l’anno, e circa 1.300.000 euro per la ‘Contessa’, ma purtroppo questi soldi restano ancora nel cassetto a causa di contenziosi per l’affidamento dei lavori”.

C’è bisogno di un intervento immediato che renda sicura la transitabilità del tratto. Questa arteria è già nata vecchia, per carenze strutturali a causa delle lungaggini che ne hanno ritardato la realizzazione, e ora si aggiunge uno stato di degrado che ne accentua il disagio. Purtroppo ripetuti incidenti anche mortali, lo testimoniano tragicamente

“In Italia, in questo e in altri casi, – sottolinea il sindaco – si rischia la paralisi dei lavori a causa di contenziosi e lungaggini burocratiche e occorre intervenire per snellire le procedure ‘sblocca cantieri’. Nello specifico, vanno almeno ripristinate le condizioni di sicurezza che garantiscano l’incolumità di chi transita. Tra l’altro, la concomitante chiusura di un tratto della E45, ha spostato in questo periodo il carico del traffico, in buona parte pesante, nella Ss 219 ad est di Gubbio“.

Sollecitiamo Anas, in attesa della realizzazione del piano straordinario, compresa l’attuazione del sistema di controllo elettronico da tempo assicurato, ad attivare un intervento ‘tampone’ immediato e localizzato al fine di garantire la transitabilità in sicurezza dell’arteria. Naturalmente va sollecitata, da parte degli automobilisti, la massima prudenza e il rispetto del codice della strada, invitando a moderare la velocità ed evitare sorpassi azzardati, cause principali degli incidenti verificatisi; nonché un controllo serrato da parte delle Forze dell’Ordine. Ora il tempo delle promesse è davvero finito, non escludo forme di protesta eclatanti“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!